Home / Italpress Turismo  / TourismA si aprirà nel segno della musica etrusca a Firenze

TourismA si aprirà nel segno della musica etrusca a Firenze

FIRENZE (ITALPRESS) – La magia sta in sette note emesse da un flauto di bosso che quasi scompare nel palmo di una mano: sette note, calde, che erano esattamente quelle che gli Etruschi suonavano ed ascoltavano, le stesse note della scala diatonica moderna accordate con il ‘là di Mozart e di Verdi. Per far risuonare quel flauto etrusco (ed altri due un pò più grandi, ricalcati su reperti antichi duemilaseicento anni) c’è voluto tempo, dieci anni di studi e prove, ed un’intuizione nata quasi per caso: quella di un’ancia battente da inserire all’imboccatura della strumento e che l’occhio attento di un musicista ha riconosciuto in una pittura murale di una tomba etruca a Tarquinia. Un’ancia come quella ancora oggi usata nei ‘launeddas’ sardi.
Così quegli antichi flauti hanno ripreso vita: flauti particolari, capaci (unici al mondo) di emettere da una sola canna una nota fissa di bordone su cui ricamare fraseggi ed arpeggi. E sarà proprio la musica perduta e ritrovata di questi strumenti, suonati per l’occasione da Stefano “Cocco” Cantini, ad aprire quest’anno “tourismA”, il salone internazionale dell’archeologia e del turismo culturale che dal 17 al 19 dicembre 2021 celebra al Palazzo dei Congressi di Firenze la settima edizione.
“TourismA – sottolinea il presidente Giani – è un evento di primo piano a livello nazionale, cresciuta di anno in anno e di cui siamo orgogliosi. E’ un concentrato di curiosità da poter visitare e di ispirazione per nuovi itinerari. Ogni anno questo salone propone novità ed iniziative che vedono collaborare assieme pubblico e privato, esempio di quanto l’archeologia sia viva: ancor di più in una regione come la nostra”.
L’evento, organizzato da Archeologia (Giunti Editore), è stato presentato a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione. Saranno tre giorni, in presenza dopo due edizioni di collegamenti da remoto, in cui si succederanno incontri dedicati alle grandi scoperte archeologiche, perchè non ci può essere turismo culturale senza conoscenza, ed incontri anche su come valorizzare musei e parchi, seminari dall’arte all’ambiente ai borghi e siti Unesco, laboratori per bambini e indicazioni su nuovi itinerari e l’uso delle tecnologie per rendere il grande patrimonio dell’Italia ancora più fruibile. Sono attesi duecentocinquanta relatori, in mostra le principali realtà di casa nostra ma anche di altre nazioni, con l’omaggio a Dante dei cioccolatai di Modica in Sicilia. La sfida, come sottolinea il direttore dell’agenzia regionale Toscana Promozione Turistica Francesco Tapinassi , alla fine è proprio quella di trasformare un attrattore culturale in un prodotto turistico.
All’interno della manifestazione ci sarà uno stand della Regione: trenta metri quadri dedicati alla promozione delle eccellenze culturali in Toscana, dagli Etruschi al Rinascimento. E sarà dalla Regione organizzato anche un convegno, in programma venerdì 17 dicembre dalle 9 alle 13 nella Sala verde, a cui interverranno, tra gli altri, il presidente Eugenio Giani e l’assessore al turismo Leonardo Marras.
(ITALPRESS).