Home / Italpress Ambiente  / Sviluppo sostenibile, le aziende virtuose del 2022 premiate a Ecomondo

Sviluppo sostenibile, le aziende virtuose del 2022 premiate a Ecomondo

RIMINI (ITALPRESS) – Ad Ecomondo e Key Energy, le manifestazioni di Italian Exhibition Group dedicate all’economia circolare e alle energie rinnovabili, in corso fino a domani alla fiera di Rimini, oggi ha fatto visita il viceministro per l’Ambiente e la Sicurezza Energetica, Vannia Gava: “Torno a Ecomondo e Key Energy ogni anno – ha detto – e anche in questa edizione a rappresentare il Governo, perchè so che in questo settore i cambiamenti sono molto rapidi, cambia la tecnologia che, soprattutto in questo settore, fa passi da gigante in pochi mesi. Questa è una fiera che sta crescendo molto, proprio perchè diventa ogni anno più interessante, perchè c’è tanta tecnologia, c’è tanta innovazione e soprattutto c’è tanto orgoglio italiano. Perchè l’Italia è all’avanguardia in questo settore e dobbiamo farlo sapere di più al mondo”.
L’industria del tessile ancora al centro dell’attenzione di Ecomondo. Torna l’Osservatorio Tessile, appuntamento giunto alla seconda edizione e nato come hub di riflessione per comprendere quali siano le strade che la filiera della moda deve percorrere per abbracciare le potenzialità di un’economia all’insegna della sostenibilità e ridurre l’impatto ambientale legato alla produzione di manufatti tessili, durante l’intero ciclo di vita dei prodotti. Due i punti di partenza: i cambi normativi sul riciclo dei tessili e la necessità di creare una responsabilità condivisa tra tutti gli attori della filiera per creare un nuovo concetto di ecodesign da un lato, e la consapevolezza che la circolarità non si riduce solo a buone pratiche, ma rappresenta una risorsa economica dal potenziale enorme dall’altro. Ne hanno parlato, con la moderazione di Alessandra de Santis e Raffaele Lupoli di EconomiaCircolare.com, Michele Zilla, General Manager di Cobat Tessile, che ha sottolineato l’importanza di raccolta selettiva, tracciamento del rifiuto e formazione continua, Carmine Guanci, Alleanza delle Cooperative Italiane Sociali, Filippo Bernocchi, Presidente di Ancitel Energia & Ambiente, Andrea Falchini, Direttore del centro di ricerca Next Technology Tecnotessile, Massimo Pisaneschi, Direttore vendite di Dell’Orco & Villani Francesco Marini, Gruppo Marini Industrie Prato e Giulia de Rossi, CEO e fondatrice di Nazena.
Presentati questa mattina all’interno della fiera di Ecomondo, i dati della XV Edizione di Comuni Ricicloni, l’analisi annuale di Legambiente sui dati ISPRA per valutare la performance dei Comuni dell’Emilia-Romagna sul versante dei rifiuti urbani. Per quanto riguarda le percentuali di rifiuti differenziati, i risultati di questa edizione mettono in luce gli esempi virtuosi che raggiungono e, in alcuni casi, sorpassano gli obiettivi fissati dalla Regione all’interno del nuovo piano. Sebbene sia positivo che nel nuovo PRRB l’obiettivo al 2027 sia stato fissato a 80% di differenziata sulla quantità totale, dall’elaborazione dei dati forniti da ARPAE a cura di Legambiente emerge che oltre 110 comuni hanno già raggiunto questo obiettivo, con picchi che raggiungono il 90%.
Il futuro dell’agroalimentare è a Ecomondo, che nella terza giornata di fiera ha promosso, in collaborazione con Federalimentare, Confagricoltura ed Enea Ecomondo un appuntamento dedicato alle filiere agroalimentari rigenerative, food security, competitività economica: “Farm to Fork 2.0”.
Caratterizzato da un approccio pragmatico, orientato a fornire linee guida per affrontare le sfide del settore con una visione moderna innovativa, il convegno ha visto susseguirsi presentazioni di case history e tavole rotonde per fare cultura e promuovere la produzione agricola e lo sviluppo di sistemi agroalimentari all’insegna della sostenibilità dei processi, della mitigazione degli effetti e della lotta al cambiamento climatico. All’evento erano presenti le principali istituzioni e stakeholder del settore, tra cui segnaliamo: Maurizio Notarfonso, Federalimentare, Massimo Iannetta, Enea, Pierre Bascou, Commissione Europea DG Agri (Director Sustainability and income support), Denis Pantini, Nomisma, Giuseppe Blasi, Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Giovanni Toffoli, Presidente Federchimica Assofertilizzanti, Riccardo Vanelli, Presidente Federchimica Agrofarma, Massimiliano Giansanti, Presidente Confagricoltura, Ivano Vacondio, Presidente Federalimentare, Elena Sgaravatti Vicepresidente Federchimica Assobiote.
Consegnato oggi il Premio sviluppo sostenibile 2022, a cura di Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e Italian Exhibition Group, in collaborazione con il Circular Economy Network, WWF, CREA – RETE RURALE NAZIONALE, Italy for Climate e STEP. Il premio Economia Circolare è stato assegnato a Caviro Extra per la realizzazione del progetto “Lègami di Vite”, che riunisce importanti aziende vitivinicole dell’Emilia-Romagna per la gestione e valorizzazione circolare dei sottoprodotti di produzione. Il DRAGO APS si è aggiudicato il premio Capitale naturale, per la realizzazione del progetto a sostegno dell’agricoltura biologica e l’agroecologia. Il premio Start up per il clima è stato infine vinto da ENERGY DOME per lo sviluppo del progetto CO2 Battery: una tecnologia di accumulo di energia elettrica. La Commissione che ha selezionato i vincitori è composta da Edo Ronchi, Alessandra Astolfi, Andrea Barbabella, Giuseppe Dodaro, Franco Jamoletti, Stefano Leoni, Riccardo Luna, Roberto Morabito, Andrea Agapito Ludovici, Alessandro Monteleone.

– foto ufficio stampa Ecomondo –

(ITALPRESS).

Condividi questo articolo