Home / Lettere e opinioni  / Salviamo la tradizione della piadina. Dal 24 gennaio la farina di grillo arriva nei supermercati

Salviamo la tradizione della piadina. Dal 24 gennaio la farina di grillo arriva nei supermercati

farina di grillo

Chi è rimasto stupito dalla recente approvazione da parte dell’Unione Europea della polvere di grillo come alimento, forse non sapeva che già era stato dato il via libera – nel maggio e novembre 2021 – all’utilizzo delle tarme (i cosiddetti “vermi gialli”) della farina e della Locusta migratoria. Si tratta dunque del terzo insetto edibile sul mercato europeo.

 

 

Dal prossimo 24 gennaio, i più schizzinosi avranno un motivo in più per fare attenzione a ciò che troveranno sugli scaffali dei supermercati: se nell’etichetta si trova la dicitura “polvere parzialmente sgrassata di Acheta domesticus”, è bene sapere che l’Acheta altro non è che il famoso grillo.

 

 

Che gli asiatici siano sempre stati particolarmente amanti degli insetti è cosa nota e sul tema sono nate battute e anche un bel po’ di preconcetti e luoghi comuni, ma altrettanto nota è una certa diffidenza verso i medesimi da parte degli europei, in particolare degli italiani. Secondo un recente studio di Coldiretti/Ixè, il 54% degli italiani sono proprio contrari agli insetti a tavola, mentre sono indifferenti il 24%, favorevoli il 16% e non risponde il 6%.

 

 

Allora perché era così ‘fondamentale’ che l’Unione Europea, approvasse la polvere di grillo? Ufficialmente si fa leva sugli studi di alcuni ricercatori: si tratterebbe del cibo del futuro in quanto potenzialmente sostenibile, ossia capace di nutrire la crescente popolazione del mondo senza intaccare troppo le risorse naturali e il clima. A tutto ciò si aggiungerebbe l’alto valore nutriente di tale cibo, con un elevato contenuto di grassi, proteine e fibre. Volendo essere diffidenti, la vera motivazione potrebbe essere di ordine opposto e meno prosaica: favorire l’interesse economico di alcune imprese, come la vietnamita Cricket One Co. Ltd. Proprio questa start-up aveva presentato la domanda e sarà l’unica a poter commercializzare la polvere di grillo nei prossimi cinque anni.

 

  • unika

Anche se è prevedibile un veloce sviluppo della filiera novel food anche in Italia e in Europa, al momento i nuovi prodotti provengono da Paesi extra Ue come il Vietnam, la Cina e la Thailandia, da anni ai vertici per numero di allarmi alimentari. Quindi è comprensibile una certa preoccupazione dal punto di vista sanitario-salutistico. Forse è il caso di fare più chiarezza sui metodi di produzione sulla tracciabilità.

 

 

A ogni modo, la polvere di grillo potrà essere utilizzata per la produzione di pane e panini multicereali, cracker e grissini, barrette ai cereali, premiscele per prodotti da forno (secche), biscotti, prodotti a base di pasta, salse, prodotti trasformati a base di patate, siero di latte in polvere, prodotti sostitutivi della carne, minestre concentrate o in polvere, snack a base di farina di granturco, bevande tipo birra, prodotti a base di cioccolato, frutta a guscio e semi oleosi, snack diversi dalle patatine, preparati a base di carne. Un bel po’ di roba…

 

 

Unica ‘consolazione ‘per noi romagnoli? Manca la piadina, almeno per ora. Salviamone la tradizione. La sua unicità fatta di sapori e profumi che parlano del territorio. Poi ciascuno è libero, chiaramente, di portare in tavola e mangiare ciò che preferisce.