Il professore Carlo Ossola è cittadino onorario di Bagnacavallo

Esperto di letteratura, da Dante a Calvino, grazie a lui è stato realizzato il progetto "La Piazza Universale"

Si è tenuta, nella mattina del 20 gennaio, in Municipio a Bagnacavallo la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria al professor Carlo Ossola, esperto di letteratura italiana e filologia.

Sono intervenuti la sindaca Eleonora Proni, il presidente del Consiglio comunale di Bagnacavallo Matteo Giacomoni e Ruggero Sintoni, presidente e condirettore artistico di Accademia Perduta/Romagna Teatri. Erano presenti membri della Giunta e del Consiglio comunale e rappresentanti del mondo culturale cittadino. Al professore è stata donata l’incisione di Nicola Samorì “Fiamma parassita”.

Come si legge nella pergamena consegnatagli per l’occasione, il Consiglio comunale ha deliberato il conferimento della cittadinanza onoraria al professor Ossola «per la sua umanissima e profonda passione per lo studio e la ricerca, per il suo instancabile impegno nella valorizzazione della cultura italiana a livello internazionale e per la generosità e l’amicizia dimostrate alla città di Bagnacavallo, in particolare attraverso la condivisione dell’apprezzatissimo progetto “La Piazza universale”».

Carlo Ossola

Nato a Torino nel 1946, Ossola è uno dei più importanti filologi italiani. Già docente nelle Facoltà di Lettere nelle università di Torino e Padova, dal 2000 ha acquisito la cattedra di Letterature moderne dell’Europa neolatina presso il prestigioso Collège de France di Parigi. È stato inoltre direttore dell’Istituto di studi italiani presso l’Università della Svizzera Italiana, a Lugano. È socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei, dell’Accademia dell’Arcadia, dell’Accademia delle Scienze di Torino, dell’Accademia Olimpica di Vicenza, dell’American Academy of Arts and Sciences e dal 2018 è “Corresponding Fellow” della British Academy. È inoltre membro del Consiglio Scientifico dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana.

Gli studi del professor Ossola, autore di numerosi importanti saggi, abbracciano la letteratura italiana ed europea dalle origini all’età contemporanea e riguardano anche Tomaso Garzoni, eclettico erudito italiano del Cinquecento di origini bagnacavallesi.



Nel 2019 in occasione dell’inaugurazione del Ridotto del Teatro Goldoni, il professore tenne una lectio magistralis proprio su Garzoni e da quella occasione nacque il rapporto di collaborazione e amicizia che ha portato alla realizzazione del progetto “La Piazza Universale”, scuola di alta formazione in campo umanistico sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna. Il conferimento della cittadinanza onoraria al professor Ossola ne ha chiuso la terza edizione, tre giorni di incontri e altri eventi dedicati ad Alessandro Manzoni. Le due precedenti edizioni, svoltesi nel 2021 e nel 2022, erano state incentrate rispettivamente su Dante e Italo Calvino.

Leggi anche: La stagione del Caffè Letterario di Lugo si apre con “Notturno Libico”

Dalla stessa categoria