Home / Arte e cultura  / Prima visita agli scavi archeologici di Cervia della Soprintendente Federica Gonzato

Prima visita agli scavi archeologici di Cervia della Soprintendente Federica Gonzato

Un’ospite speciale questa mattina all’area degli scavi archeologici di Cervia: Federica Gonzato, Soprintendente ad Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna Forlì-Cesena e Rimini. Accompagnata dai funzionari Sapab Massimo Sericola e Kevin Ferrara, si è trattato della prima visita sul territorio cervese dopo la sua nomina avvenuta a fine 2021. Ad accoglierla il sindaco Massimo Medri, l’assessore alla Cultura Cesare Zavatta, la dirigente al Settore Servizi alla Comunità e Sviluppo della Città del comune di Cervia Maria Pia Pagliarusco, il professor Andrea Augenti, docente di Archeologia medievale dell’Università di Bologna, Dipartimento di “Storia, Culture e Civiltà”, direttore degli scavi nell’area della vecchia città, e Marco Cavalazzi MSCA Fellow dell’Università di Bologna.

 

La Soprintendente ha visitato gli scavi archeologici di recente realizzazione, la salina, il museo del sale e si è confrontata sui diversi aspetti relativi alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale locale. È stata un’occasione importante per presentare in modo più approfondito la realtà del territorio cervese sotto diversi punti di vista e aprire la prospettiva a nuove idee e progetti di valorizzazione del territorio da realizzare in sinergia e collaborazione.

 

 

Il sindaco ha parlato delle attività in svolgimento e dei progetti in essere sull’area delle saline. Il professor Augenti poi ha illustrato le attività di scavo e di ricerca avviate sul territorio. La Soprintendente ha ascoltato con estremo interesse le varie proposte progettuali condividendone obiettivi e modalità operative e confermando il massimo sostegno della Soprintendenza per la loro realizzazione. «Sono molto felice di questa visita – commenta il sindaco Medri –. Siamo concordi sulle potenzialità del nostro territorio sia dal punto di vista culturale che turistico. Lavoreremo insieme allo sviluppo del parco archeologico e allo sviluppo dell’area museale».

 

 

L’accesso alla zona sarà permesso solo tramite il servizio navetta con partenza/arrivo dal parcheggio del cimitero di Casola Valsenio. Andata dalle 18.30 alle 22.30. Ritorno fino alle 00.30.

Condividi questo articolo