Home / Arte e cultura  / Presentato il progetto di Pallavicini22 Art Gallery “8 Maestri contemporanei: l’evoluzione del pensiero musivo a Ravenna”

Presentato il progetto di Pallavicini22 Art Gallery “8 Maestri contemporanei: l’evoluzione del pensiero musivo a Ravenna”

pallavicini22 art gallery

Nella storica e prestigiosa sede del Circolo Ravennate e dei Forestieri è stato presentato ieri pomeriggio il catalogo del Progetto Mosaico di Pallavicini22 “8 Maestri contemporanei: l’evoluzione del pensiero musivo a Ravenna” alla presenza dei mosaicisti Giuliano Babini, Marco De Luca, Giovanna Galli, Verdiano Marzi, Felice Nittolo, Luciana Notturni, Paolo Racagni. Unico assente Marco Bravura perché si trova in Russia dove oggi vive e lavora. Il catalogo realizzato per questa presentazione riporta i testi dei critici, cui si sono aggiunti gli articoli di Linda Kniffitz, Giorgio Ghiberti, Ivan Simonini scritti dopo aver visitato le esposizioni.

 

Il Dott. Beppe Rossi, Presidente del Circolo Ravennate e dei Forestieri, ha aperto la serata rimarcando l’importanza di promuovere il mosaico nella città che ne è capitale. Dopo aver ricordato i grandi professori di mosaico ravennati che forgiarono la nuova generazione di artisti e mosaicisti, oltre ai numerosi artisti internazionali che lavorarono a Ravenna nella seconda metà del secolo scorso, ha elogiato il tributo agli otto artisti che ci si accingeva a presentare.

Sono seguiti gli interventi di Claudia Agrioli, proprietaria dello spazio espositivo Pallavicini22 Art Gallery e Presidente di CARP Associazione di Promozione Sociale che ha illustrato la genesi del progetto e dell’Assessore Cultura e Mosaico del Comune di Ravenna, Fabio Sbaraglia, che ha presentato la VII edizione della Biennale di Mosaico Contemporaneo di Ravenna nel cui calendario è inserita la presentazione di cui trattasi.

 

Mentre scorrevano le fotografie scattate durante le mostre personali allestite presso lo spazio espositivo Pallavicini22 dall’aprile 2021 ad oggi, si sono succeduti interventi di Roberto Pagnani, artista, curatore dell’Archivio Collezione Ghigi-Pagnani e Vice Presidente CARP APS e di Luca Maggio, curatore e critico d’arte, socio onorario di CARP APS.

 

Dopo un accenno introduttivo di Pagnani alla mostra dedicata a Georges Mathieu nel centenario della nascita – il primo artista ad eseguire un lavoro a mosaico senza l’utilizzo del cartone preparatorio – Luca Maggio ha catturato l’attenzione del numeroso pubblico in sala mettendo in evidenza le peculiarità di ogni artista presente, illustrandone la cifra stilistica e regalando agli intervenuti una lezione magistrale.

 

L’incontro, organizzato da CARP Associazione di Promozione Sociale in collaborazione con lo Spazio Espositivo PALLAVICINI22 Art Gallery e con l’Archivio Collezione Ghigi-Pagnani, con il sostegno di Circolo Ravennate e dei Forestieri, era patrocinato dal Comune di Ravenna Assessorato Cultura e Mosaico e dall’ Accademia di Belle Arti di Ravenna.