Home / Spettacoli  / Per il ventennale del Museo Zauli di Faenza, svelata la nuova opera “Armonia Mundi” al parco Bucci

Per il ventennale del Museo Zauli di Faenza, svelata la nuova opera “Armonia Mundi” al parco Bucci

armonia mundi

Domenica 29 alle ore 18 è stata svelata al Parco Bucci di Faenza l’opera vincitrice dell’Open Call Metamorfosi: Armonia Mundi di Giulia Dal Monte e Isabela Benavides.

Il progetto selezionato nasce da un’Open Call ideata dal collettivo NN, per interrogare artisti e collettivi emergenti sul ruolo ricoperto dall’uomo nel proprio ecosistema e aprire nuovi scenari di convivenza con le altre specie. L’obiettivo della Call è stato quello di individuare un progetto artistico che si inserisca nello spazio pubblico della città di Faenza (Parco Bucci), al fine di creare un ponte tra il Museo Carlo Zauli e la città, ponendosi in continuità con la presenza delle opere di Carlo Zauli negli spazi cittadini. La call ha ricevuto un totale di 49 candidature provenienti sia da tutta Italia che dall’estero. Il collettivo NN e il Museo Carlo Zauli hanno curato il processo di selezione.

Il progetto vincitore è prodotto dal Museo Zauli con la collaborazione tecnica di Aida Bertozzi, docente ceramista e collaboratrice del Museo e con Padovani Maioliche d’Arte Faenza.

Armonia Mundi è inteso come principio armonizzante, come un’intrinseca interconnessione che si instaura tra ogni abitante del pianeta, vivente e non vivente, e che ne rispetta le specificità.

L’opera si compone di due bocche in ceramica smaltata, ispirate alle forme della spugna barile e alla reinterpretazione dell’opera di Carlo Zauli. Le bocche sono collegate da un tubo metallico, un canale che le collega mettendo in comunicazione gli esseri umani con i suoni della natura del parco. Una terza componente dell’opera sarà visitabile all’interno del cortile del museo come collegamento tra il museo e il parco.  Armonia Mundi è un filtro che invita e favorisce l’ascolto, che valorizza la creazione di nuovi rapporti e di processi relazionali paritari.

L’identità grafica è stata realizzata da Camilla Marrese e Susanna Tomassini. Laureate all’ISIA di Urbino, frequentano ora il Master in Information Design alla Design Academy di Eindhoven.