Home / Arte e cultura  / L’apertura della mostra “Spine Mixtape 2” al Museo Ugonia di Brisighella

L’apertura della mostra “Spine Mixtape 2” al Museo Ugonia di Brisighella

Museo ugonia

La mostra collettiva “Spine Mixtape” sarà inaugurata venerdì 9 settembre alle 19 presso il “Museo Ugonia” di Brisighella. Per l’occasione il museo osserverà l’orario continuato dalle 15 alle 22.

 

L’esposizione vede protagonisti nove giovani artisti contemporanei che hanno lavorato l’uno accanto all’altro in un suggestivo Open Studio realizzato tra il 19 e il 21 luglio presso la Rocca Manfrediana di Brisighella, cimentandosi nelle tecniche più virtuose dell’arte, tra pittura scultura e installazione. Il frutto del loro lavoro sarà visibile fino al 16 ottobre.

 

Il termine “Mixtape” viene utilizzato in ambito musicale urban, nello specifico all’interno di progetti dove gli artisti e gli autori presenti si propongono con una veste inedita.

 

Quello che è stato creato con “Spine Mixtape 2” è un clima nuovo di contaminazione dove gli artisti coinvolti hanno avuto l’occasione di esprimersi al massimo delle loro potenzialità, senza vincoli e canoni da rispettare. Il collante che ha messo in connessione le opere è stata dunque la location: un contesto, un luogo, uno spazio di progettazione dove ogni singolo artista è stato libero di pensare e creare il proprio lavoro.

 

Il progetto è stato documentato a 360° con fotografie e materiale video. In mostra: Martino Neri, Kry, Andrea Mario Bert, Alessandro Placci Pluz, Filippo Ianiero, Gionata Scardovi, Francesca Cerfeda, Nadia Salamino, Alessandro Assirelli.

 

Progetto a cura dell’Associazione Spine Produzione A.P.S., ideato insieme agli assessori alla Cultura e al Turismo del Comune di Brisighella Gessica Spada e Gian Marco Monti per il Museo Ugonia.

 

Contatti: spineproduzione@gmail.com / spineproduzione.com / @spineproduzione

 

Oltre alla mostra temporanea, al Museo Ugonia è possibile visitare l’esposizione permanente delle opere del maestro Ugonia. In mostra anche le opere donate degli artisti contemporanei che hanno esposto presso il Museo negli ultimi anni.

Condividi questo articolo