Home / Spettacoli  / Le compostiere degli studenti dell’ISIA di Faenza in mostra alla ”Milano Design Week” fino al 12 giugno

Le compostiere degli studenti dell’ISIA di Faenza in mostra alla ”Milano Design Week” fino al 12 giugno

compostiamo

È stata inaugurata ieri la Milano Design Week e insieme ad essa l’esposizione delle compostiere progettate dagli studenti del terzo anno del Triennio di Design del Prodotto per il progetto CompostiAMO. Ospitata nella prestigiosa Cattedrale della Fabbrica del Vapore, la mostra mette al centro i design più innovativi maturati nei laboratori di comunicazione e modellistica dell’istituto. La mostra è visitabile gratuitamente fino al 12 giugno.

Grazie a una consulenza con i tecnici specializzati di Hera, gli studenti dell’ISIA hanno elaborato cinque concept per la produzione di compostiere e ne hanno sviluppato sia il modello in scala sia il sistema grafico per comunicare alla cittadinanza il percorso progettuale.

CompostiAMO è il progetto partecipativo che l’Unione della Romagna Faentina ha dedicato all’installazione di compostiere di comunità sperimentali nell’ambito del PAESC – Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima. Il compostaggio di comunità, o di prossimità, viene definito come una modalità di gestione dei rifiuti organici intermedia tra il compostaggio industriale (raccolto) e quello domestico (presso l’utenza). Il progetto vuole produrre gli effetti e i benefici derivanti dall’economia circolare, coinvolgendo l’intera cittadinanza nella gestione di una porzione di questi rifiuti.

Si ringraziano per il design delle compostiere i professori Maurizio Fiori, Bruno Testa, Matteo Pini e gli studenti Federica Bendoni, Maya Casadei, Benedetta Collini, Valerio Cori Carlitto, Mattia Crociani, Giuditta Cucchi, Sofia Danieli, Jessica Fabbietti, Erica Farina, Benedetta Innocenti, Matia Kulundzic, Erica Loverre, Sara Marconi, Daniele Mirto, Elena Mura, Caterina Perrone, Marta Potenza, Giorgio Serafini, Dario Simonazzi, Pasquale Stanzione, Gioia Valbonetti, Volta Andrea, Matilde Gómez del Rio.