Home / Italpress Agroalimentare  / Il parmigiano reggiano a New York con Teatro Regio e Massimo Bottura

Il parmigiano reggiano a New York con Teatro Regio e Massimo Bottura

REGGIO EMILIA (ITALPRESS) – Cultura ed enogastronomia: sono questi i due punti di forza con cui il brand Parma si presenta a New York, a un gruppo selezionato di 150 personalità della finanza, dell’editoria e dell’imprenditoria statunitense.
L’occasione è rappresentata dallo Spring Gala in programma il 28 aprile al Metropolitan Club di New York: durante la serata, organizzata in collaborazione con l’associazione non profit International Friends of Festival Verdi, il Teatro Regio di Parma presenterà l’edizione 2022 del Festival Verdi, in programma tra Parma e Busseto dal 22 settembre al 16 ottobre. Nella cornice del progetto Parma Food Valley, tra gli attori che voleranno Oltreoceano per promuovere Parma c’è anche il Consorzio Parmigiano Reggiano, al fianco del Comune di Parma, della Fondazione Parma UNESCO City of Gastronomy e di Parma Alimentare. In particolare, il Parmigiano Reggiano DOP sarà una delle eccellenze protagoniste del cocktail pre-dinner e della cena di gala, firmata da chef Massimo Bottura. Lo chef tre stelle Michelin modenese proporrà il Parmigiano Reggiano DOP sia nell’entrèe “It’s Spring in Emilia” che nel primo piatto, “The Crunchy Part of The Lasagna”. Per il comparto del Parmigiano Reggiano, il mercato americano ha un’importanza strategica: gli Stati Uniti sono infatti il primo Paese di destinazione della DOP. Nel 2021 sono state esportate verso gli Usa 12.867 tonnellate di prodotto: un dato in crescita del 10,4% rispetto al 2020. “La promozione dell’eccellenza italiana passa attraverso la capacità di fare sistema – afferma Nicola Bertinelli, Presidente del Consorzio di Tutela del Parmigiano Reggiano DOP – Giuseppe Verdi e il Teatro Regio di Parma sono due icone di italianità. Di qui la decisione di supportare lo Spring Gala, con la presentazione del Festival Verdi 2022. Identità gastronomica e cultura sono due asset fondamentali per il brand Italia e si devono sostenere a vicenda”.
(ITALPRESS).