Home / Italpress Agroalimentare  / Ferrero, aggiornato con i sindacati il contratto integrativo

Ferrero, aggiornato con i sindacati il contratto integrativo

ROMA (ITALPRESS) – La Direzione aziendale Ferrero si è incontrata con le segreterie nazionali, regionali e territoriali di Fai-Cisl, Flai Cgil e Uila Uil, il coordinamento nazionale delle Rsu e le rappresentanze sindacali della rete commerciale, per aggiornare il capitolo “Le persone in Ferrero” e attuare il progetto quadro previsto nel capitolo welfare. Sono state concordate ulteriori agevolazioni in occasione della nascita dei figli, prevedendo permessi retribuiti per assentarsi dal lavoro fino a quattro settimane in un momento importante della vita di coppia come l’arrivo di un figlio (nascita, adozione, accoglimento). Inoltre sono previsti permessi retribuiti per accompagnare i figli a visite mediche specialistiche o per accompagnare la mamma in gravidanza alle visite specialistiche prenatali o consentire ai dipendenti l’assistenza al coniuge e/o ai genitori anziani con problemi di salute.
Altro capitolo importante è volto alla valorizzazione e alla promozione dell’istituto della “Banca ore solidale”, ossia l’opportunità di prevedere e regolamentare la possibilità di cessione volontaria delle ferie maturate a favore dei dipendenti che si trovino in una situazione improvvisa di notevole gravità, invalidante e temporanea in capo a sè stessi, ovvero a figli, genitori, fratelli/sorelle, coniuge, soggetto parte di un’unione civile o convivente accertato e a causa di tale condizione necessitino di assentarsi dal lavoro. Importanti novità anche sul fronte del lavoro agile. L’accordo promuove le tutele a favore della genitorialità, ossia la possibilità per tutte le future mamme di lavorare in smart working nell’ottavo e nono mese di gravidanza; a questa opzione si aggiunge la possibilità per uno dei due genitori di lavorare da remoto nei 6 mesi successivi al termine della maternità obbligatoria. In relazione al capitolo welfare, si è confermata la volontà di definire e regolamentare la convertibilità, su base volontaria, di una parte del premio legato agli obiettivi – PLO (nella misura massima del 30% del suo valore) in servizi alle persone che saranno resi disponibili tramite apposita piattaforma. A fini indicativi, il paniere welfare prevederà molteplici agevolazioni che possono essere catalogate negli ambiti famiglia, assistenza sanitaria e previdenza complementare. L’azienda e le organizzazioni sindacali hanno espresso soddisfazione per il risultato conseguito.
(ITALPRESS).