Home / Arte e cultura  / “European Maritime Day”, oltre 1.500 operatori marittimi in presenza e da remoto. I momenti clou della due giorni

“European Maritime Day”, oltre 1.500 operatori marittimi in presenza e da remoto. I momenti clou della due giorni

Negli spazi del Pala De Andrè la riflessione e il dibattito per la definizione di un’azione congiunta sugli affari marittimi e l’economia blu sostenibile in tutta Europa; fuori, dal centro storico fino a Marina di Ravenna, tante opportunità per toccare con mano quanto la comunità ravennate stia già facendo in questi settori.

Sono state due giornate molto proficue quelle dell’edizione 2022 dell’European Maritime Day, il più grande evento rivolto agli operatori marittimi in Europa, svoltosi ieri e oggi a Ravenna e dedicato al tema economia blu sostenibile per una ripresa verde. Gli organizzatori stimano al momento la partecipazione di circa 1500 addetti ai lavori, tra quelli che sono intervenuti direttamente al Pala De Andrè (circa 700) e quelli che hanno seguito i lavori tramite collegamento live streaming da remoto (circa 800).

Il tema principale è stato quello del contribuito dell’economia blu sostenibile alla ripresa verde, sul quale la comunità marittima europea si è confrontata per creare reti, discutere e avviare un’azione comune. L’edizione 2022 ha visto l’annuncio di nuove importanti iniziative dell’Unione europea, tra le quali il lancio dell’Osservatorio sull’Economia Blu.

Oltre alla sessione di apertura – che ha visto protagonisti il Commissario europeo per l’Ambiente, gli Oceani e la Pesca, la vice ministra delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, il sindaco di Ravenna e l’assessore regionale a Mobilità e Trasporti, Infrastrutture, Turismo e Commercio – nella due giorni ravennate si sono svolte diverse sessioni plenarie di alto livello, 24 workshop, 3 sessioni di pitch stage e molte attività di networking. Inoltre 4 plenarie del Summit EU4Ocean e 4 workshop a tema Ocean and Climate, Food from the Ocean e Healthy and Clean Oceans.

In questi due giorni il Commissario europeo ha avuto l’opportunità non solo di visitare Ravenna, ma di conoscerne le realtà più importanti tra quelle legate al mare, dimostrando nei loro confronti sincero entusiasmo e apprezzamento: in particolare ha navigato lungo il canale Candiano dalla Darsena fino a Marina di Ravenna, dove ha visitato il centro ricerche Ambiente Energia Mare e la sede del Cestha, rimanendo molto colpito dalle attività dei ricercatori a favore delle tartarughe. In centro il Commissario ha ammirato a palazzo Rasponi le opere del mosaicista Luca Barberini, allestite nella mostra Oceandipity, e visitato San Vitale e Galla Placidia. Ha inoltre assistito all’appuntamento quotidiano con la lettura perpetua della Divina Commedia alla tomba di Dante. Tappa anche al campus universitario di Ravenna e, in queste ore, a Cervia.

L’European Maritime Day è stato accompagnato dai Ravenna Seaside Events, un ricco calendario di iniziative aperte al pubblico a cura del Comune di numerosissimi soggetti della comunità locale, che continueranno anche nei prossimi giorni e che oggi, 20 maggio, culmineranno simbolicamente nello show sull’acqua in Darsena Dancing waters (due spettacoli alle 21.30 e alle 22.15).