Home / Arte e cultura  / “CuCù”, la stagione culturale nata dalla raccolta fondi di Controsenso a Bagnacavallo

“CuCù”, la stagione culturale nata dalla raccolta fondi di Controsenso a Bagnacavallo

L’associazione culturale Controsenso, ideatrice del Bagnacavallo Festival, ha raggiunto e superato l’obiettivo minimo nella raccolta fondi organizzata sul web per poter progettare assieme alle associazioni partner e al Comune a Palazzo Vecchio, a Bagnacavallo, la stagione culturale Cucù, che proporrà alcune serate tra ottobre 2022 e maggio 2023 con protagonisti talenti locali: musicisti, attori, narratori, scrittori.

 

All’obiettivo minimo raggiunto dei 2.500 euro si aggiungono 500 euro erogati dalla Bcc, pari al 20% della quota raccolta grazie ai donatori.

 

«Amici donatori, grazie per il risultato raggiunto – scrive Michele Antonellini dell’associazione Controsenso su ideaginger.it –. Adesso sappiamo che CuCù avrà vita e lo si deve a voi. Ma noi siamo gente che non si accontenta, gente che osa. Per questo ci poniamo un altro obiettivo: raggiungere 3.500 euro, altri 1.000, con i quali potremo garantire altre due serate, oltre alle tre finanziate grazie alla vostra generosità. Con cinque serate, CuCù lascerà senz’altro il segno e – giochiamo d’anticipo – sarà più facile organizzare una seconda edizione.»

 

Per donare è sufficiente visitare il sito ideaginger.it, cercare “CuCù” (curiosità culturali) e scegliere la donazione preferita; per ogni donazione c’è una ricompensa: la dedica personale di un artista, la locandina della rassegna autografata e altre, fino all’unico originale dell’acquerello realizzato da Cinzia Baccarini come immagine della prima  edizione.

Nella pagina di ideaginger.it dedicata a “CuCù” c’è inoltre un video divertente realizzato da Mario Merli che fa entrare nella sala assieme ad Antonellini, all’attore Gianni Parmiani e alla violinista Nicoletta Bassetti.

 

La campagna, che ha il supporto del Comune di Bagnacavallo, scade il 5 settembre.

 

Chi ha dubbi o vuole donare in modo tradizionale, senza passare dalla Rete, può parlare con una persona contattando Controsenso al cellulare/WhatsApp 333 7981563.

Condividi questo articolo