Home / Musica  / Cervia, il “Trebbo in musica” inizia con Corrado Augias e Aurelio Canonici sabato 18 giugno

Cervia, il “Trebbo in musica” inizia con Corrado Augias e Aurelio Canonici sabato 18 giugno

Foto: Chiaro di Luna – ©Accademia Nazionale di Santa Cecilia Musacchio, Ianniello & Pasqualini

Le notti di parole e note de Il Trebbo in musica 2.2, la speciale rassegna che Ravenna Festival ha creato ad hoc per Cervia-Milano Marittima e che quest’anno giunge alla terza edizione, non possono che inaugurarsi così: contemplando, declamando, suonando e raccontando il pallido astro, sovrano di maree e ispirazioni, umori e fantasticherie. Sabato 18 giugno, alle 21.30, Viva il chiaro di luna! con Corrado Augias e Aurelio Canonici è il primo degli otto appuntamenti all’Arena dello Stadio dei Pini: Augias si fa guida sapiente attraverso epoche e culture, tutte testimoni – da Leopardi a Calvino fino alla letteratura giapponese – di una profonda attrazione per la luna; al talento di pianista e divulgatore di Aurelio Canonici sono affidate la Sonata al chiaro di luna di Beethoven e il Clair de lune di Debussy. La rassegna è realizzata in collaborazione con il Comune di Cervia, con il contributo della Cooperativa Bagnini e grazie alla media partnership di QN – Quotidiano Nazionale.

 

Con quella levitas a cui ci ha abituati il giornalista e scrittore romano e con la complicità di Aurelio Canonici per l’esecuzione e l’analisi dei brani al pianoforte, Viva il chiaro di luna! parafrasa a rovescio il motto futurista, lo scandaloso “uccidiamo il chiaro di luna” di Filippo Tommaso Marinetti, “che certo non potrà mancare tra le nostre citazioni – ammette Corrado Augias – Preferiamo però non ucciderlo, al contrario ci bagniamo alla sua luce spettrale e ne traiamo ispirazione”. La serata, continua Augias, “si divide in due parti: la prima è quella più narrativa, una chiacchierata con una certa abbondanza di esempi letterari e qualche divertimento sul rapporto fra il genere umano e la luna; la seconda è dedicata ai più celebri chiari di luna della storia della musica. La storia della Sonata di Beethoven è tra l’altro molto particolare: in quegli anni Ludwig si era innamorato di una certa Giulietta Guicciardi, una giovane di origini italiane che viveva a Vienna. Il Claire de Lune di Debussy costituisce il terzo movimento di un’opera più ampia, la Suite bergamasque. Il maestro Canonici dimostrerà come i circa cento anni che separano Beethoven da Debussy si sentano tutti nella struttura della composizione”.

Incontro, confronto, occasione sociale e intellettuale, condivisione di idee e incrocio di culture e sensibilità: il trebbo, in Romagna, è tutto questo, come dimostrarono due giovani appassionati di poesia – Walter Della Monica e l’attore Antonio (“Toni”) Comello – con la loro pioneristica iniziativa di letture pubbliche negli anni Cinquanta. Ravenna Festival trasporta la tradizione nel nuovo millennio, intrecciando, di appuntamento in appuntamento, musiche e temi d’attualità, riflessioni storiche e sconfinamenti, divagazioni…

 

Il secondo appuntamento, martedì 21 giugno, è con Gene Gnocchi, maestro di cerimonie e comicità per Il Quiz di Cervia accompagnato dalla fisarmonica di Christian Ravaglioli. E i concorrenti? Saranno il Sindaco di Cervia e uno sfidante scelto fra il pubblico della serata a contendersi l’ambito premio, ovvero la scoperta di tutti i tesori di Cervia, dalle tradizioni del sale alle leggende della riviera romagnola, dalla storia di Milano Marittima a quella del ballo liscio.

Giovedì 23 giugno Zerocalcare e Giancane saranno per la prima volta in scena insieme per intrecciare segno grafico e suono, mentre giovedì 30 giugno Vasco Brondi è autore e interprete di Una disperata vitalità, un “comizio musicale” sulle tracce di Pasolini, con Davide Toffolo, Emanuele Trevi e Valentina Lodovini. Domenica 3 luglio Elio Germano e Teho Teardo propongono Il sogno di una cosa, performance teatrale e musicale liberamente tratta dal primo esperimento narrativo di Pasolini. Con Avvenne a Napoli, giovedì 7 luglio, Eduardo De Crescenzo e Julian Oliver Mazzariello danno voce alla Napoli che tenne a battesimo la canzone in lingua napoletana (Federico Vacalebre introduce all’ascolto). Sabato 9 luglio con Il duce delinquente Aldo Cazzullo, Moni Ovadia e Giovanna Famulari ricostruiscono gli eventi che segnarono per sempre la storia del nostro Paese. Conclude la rassegna, giovedì 14 luglio, l’omaggio a Franco Battiato di Over and over again, con Angelo Privitera, il Nuovo Quartetto Italiano e Fabio Cinti.

Info e prevendite: tel. 0544 249244 – www.ravennafestival.org 

IAT Cervia tel. 0544 974400 – IAT Milano Marittima tel. 0544 993435

Biglietti: posto unico numerato 20 Euro (ridotto 18 Euro)