Home / Italpress Turismo  / Burgio “Nuovo inizio per il turismo. Preoccupazione per l’Ucraina”

Burgio “Nuovo inizio per il turismo. Preoccupazione per l’Ucraina”

ROMA (ITALPRESS) – “Siamo soddisfatti di questa decisione che ci consentirà finalmente di tornare a fare il nostro lavoro che per troppo tempo ha vissuto uno stato di sospensione. Con ritardo ci allineiamo alle misure degli altri Paesi europei, sperando di poter velocemente recuperare la quota di mercato che avevamo pre-pandemia. Sarà un processo graduale, ma la risposta c’è ed è visibile”. Questo il commento di Gabriele Burgio, presidente e amministratore Delegato di Alpitour World, all’ordinanza di Roberto Speranza, Ministro della Salute, in merito all’abrogazione delle Ordinanze sui Corridoi Turistici e delle Ordinanze relative alle liste dei Paesi.
“Stiamo, infatti, riscontrando – aggiunge – un incremento importante degli ordini nelle ultime settimane, da quando l’andamento epidemiologico ha rallentato. La maggior parte degli ordini è per i prossimi due mesi, una notizia positiva che mostra quanto le persone abbiano voglia di viaggiare, tant’è che stiamo immettendo capacità addizionale su Egitto, Repubblica Dominicana e Maldive. Questo è un nuovo inizio anche per tutti i nostri partner, le agenzie di viaggio e l’industria del turismo tutta, che nel 2019 rappresentava il 13% del PIL italiano, e che ha lavorato instancabilmente per non cedere alla crisi e ora desidera solo tornare ad essere protagonista e traino dell’economia del Paese”.
“E’ doveroso aggiungere un commento sulla notizia di questa notte – prosegue Burgio parlando dell’attacco in Ucraina- che accogliamo con preoccupazione e dispiacere, giunta in un momento di speranza sul fronte sanitario, ma che mina la stabilità geopolitica: ciò che tutti noi ci auguriamo vivamente è che l’escalation a cui stiamo assistendo possa rientrare al più presto e ritrovare un dialogo tra le potenze mondiali. Osserveremo i prossimi sviluppi come tutti, confidando nel buon senso: il mondo ora ne ha più che mai bisogno”.
(ITALPRESS).