Home / Vedere  / Bagnara di Romagna è ufficialmente entrata nel Club dei borghi più belli d’Italia

Bagnara di Romagna è ufficialmente entrata nel Club dei borghi più belli d’Italia

Cerimonia di ingresso di Bagnara di Romagna nel Club dei borghi più belli d'Italia, 5 marzo 2022

Sabato 5 marzo in piazza Marconi a Bagnara di Romagna si è tenuta la cerimonia di ingresso del paese nel Club dei borghi più belli d’Italia.

Alla cerimonia, insieme al sindaco Riccardo Francone, sono intervenuti l’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini, il presidente del Club dei borghi Fiorello Primi e il coordinatore regionale del Club Mauro Guerra.

Bagnara è il secondo Comune in provincia di Ravenna (dopo Brisighella) a entrare nel Club dei borghi, nonché l’unico in pianura: un risultato «eccezionale», come lo ha definito il sindaco Riccardo Francone, dato che in tutta la Regione sono solamente 14 i borghi ammessi al Club, dei quali solo tre in pianura.

«Oggi coroniamo un risultato davvero importante per il nostro paese – ha dichiarato il primo cittadino Riccardo Francone -. Sento da una parte la gioia di poter essere parte di un club così prestigioso, dall’altro la responsabilità di farne parte, che presuppone non solo di continuare, ma anzi di intensificare un percorso virtuoso, per rendere Bagnara sempre più un paese attrattivo, conciliando le necessità dell’abitare con quelle del visitare il paese. Questa inaugurazione è come un premio per l’importante percorso di sviluppo culturale e turistico portato avanti da oltre dieci anni nel nostro paese, dalla Rocca ai musei, passando per la Villa Morsiani, i Prati di Sant’Andrea e i numerosi eventi culturali antichi e nuovi. Questo è un premio per tutta Bagnara, per tutte le realtà pubbliche e private che insieme hanno concorso a questo risultato, con l’augurio che questo sia un nuovo inizio per sviluppare le nostre potenzialità e a rendere ancora più efficace e costruttivo il percorso che abbiamo intrapreso».

«Un posto bello bisogna costruirlo tutti i giorni – ha rimarcato il presidente Fiorello Primi -. È un lavoro che non finisce mai, un impegno costante che parte anche e soprattutto dalle piccole cose: abbiamo bisogno di circondarci di bellezza, perché in un posto bello viviamo tutti meglio; per raggiungere questo obiettivo è fondamentale sia l’esempio delle istituzioni, sia la collaborazione di ogni singolo cittadino. La bellezza è un elemento fondamentale a trecentosessanta gradi e dobbiamo imparare a riconoscerla e a perseguirla come obiettivo».

«Quello dei luoghi come Bagnara non è un turismo minore, ma un turismo migliore – ha sottolineato l’assessore regionale Andrea Corsini -. Sono infatti questi i posti che sanno esprimere il meglio del made in Italy. Certo, ci sono i grandi prodotti, i grandi marchi, ma sono poi i borghi che rappresentano l’immagine più vera e rappresentativa dell’Italia anche all’estero. I grandi numeri non si fanno qui, ma è decisivo avere luoghi come questi per creare una regione sempre più attrattiva, diversificata e distintiva».

Prima dell’inizio della cerimonia è stata ricordata la guerra in Ucraina: «Sebbene siamo qui riuniti per un evento lieto, il nostro primo pensiero va alle persone che in questo momento stanno soffrendo per colpa di una guerra – ha ricordato il sindaco Francone -. Ci auguriamo che il conflitto possa terminare quanto prima, non è mai troppo tardi anche se non sarà mai abbastanza presto. Abbiamo affisso la bandiera dell’Ucraina sul palazzo municipale in segno di vicinanza a tutto il popolo ucraino e in particolar modo alla comunità ucraina che si è stabilita nel nostro paese e che oggi temono per la sorte dei loro cari».