Home / Sport e Natura  / Alla Consar Rcm, arriva lo schiacciatore Roberto Pinali per il prossimo campionato di A2

Alla Consar Rcm, arriva lo schiacciatore Roberto Pinali per il prossimo campionato di A2

Foto: Roberto Pinali in schiacciata - Andrea Iommarini

Foto: Roberto Pinali in schiacciata – Andrea Iommarini

Dopo Giulio Pinali due stagioni fa, tocca ora al fratello Roberto vestire la maglia della Consar Rcm. Il club ravennate ufficializza l’arrivo in prestito dal Modena Volley del 27enne centrale nato a Bologna il 28 gennaio 1995 e cresciuto nelle giovanili del club modenese.
«Ravenna è una piazza molto ambita da ogni giocatore – osserva Pinali – e mio fratello me ne ha parlato benissimo, confermandomi di essere stato molto bene in città e di essere cresciuto molto con la gestione di Bonitta. Ho lo stesso entusiasmo che aveva mio fratello quando è venuto a giocare a Ravenna e la speranza di poter fare bene come ha saputo fare lui».
Pinali è reduce da una bella annata in A3 con la Sa.Ma. Portomaggiore dove ha chiuso con 404 punti segnati (è la sua stagione record), con 52 ace e 29 muri, e con un campionato oltre le aspettative, culminato con il quinto posto e l’accesso ai playoff. In precedenza due campionati in A3 con il Motta di Livenza, con tanto di promozione in A2 nella stagione 2020/21; nel 2018/19 l’unico anno di A2 con la Goldenplast Potenza Picena. «Troverò un campionato sicuramente cambiato – ammette -: all’epoca erano due gironi e il livello più abbordabile; con l’introduzione della A3, il numero delle squadre in A2 è calato e adesso questo è un campionato più competitivo ed equilibrato e il livello è sicuramente cresciuto».
Prima del debutto in A2, Pinali aveva fatto tre annate in B: due a Modena e una a Portomaggiore.
A lui Bonitta affida le chiavi dell’attacco della nuova Consar Rcm che sta nascendo. «Ho parlato col coach, mi ha illustrato il progetto e il tipo di pallavolo che vuole applicare – conferma Pinali – e mi ha spinto ad allenarmi forte e bene. Sono pronto ad iniziare e spero di ricambiare in pieno la fiducia. Arrivo in un club importante: voglio giocarmi tutte le mie carte».