Home / Musica  / Al Salone dei Mosaici di Ravenna, conferenza di Sandro Scarrocchia su “L’architettura del totalitarismo negli anni ’30”

Al Salone dei Mosaici di Ravenna, conferenza di Sandro Scarrocchia su “L’architettura del totalitarismo negli anni ’30”

Foto: Albert Speer, Große Halle, modello, 1939

Sabato 21 maggio 2022, dalle ore 17:30 alle 19:30, al Salone dei Mosaici, Casa del Mutilato, Ravenna, via IX Febbraio 1, a cura dell’Associazione culturale “Tessere del ’900” e dell’Ordine degli Architetti di Ravenna, si terrà il secondo incontro del ciclo Architettura e Potere, ideato da Alberto Giorgio Cassani, con la conferenza di Sandro Scarrocchia (Politecnico di Milano) dal titolo Speer e Piacentini.

Presiederà Piero Casavecchia, Presidente dell’Associazione, e introdurrà Alberto Giorgio Cassani, docente all’Accademia di Belle Arti di Venezia e componente del Comitato scientifico dell’Associazione. Info: e-mail: info@tesseredel900.it; cellulare: +39 339 3130423; la conferenza si potrà seguire online sulla piattaforma Zoom, inviando richiesta alla mail il giorno prima.

Quali furono le relazioni in architettura fra Italia e Germania nel periodo del fascismo? l due “architetti di stato” Marcello Piacentini e Albert Speer ebbero contatti, ricevettero precisi ordini per l’“edificazione” dell’Asse Roma-Berlino? Quale fu il contributo che essi diedero a tale imperativo politico?

Dallo scavo di anni in archivi italiani e tedeschi e dall’uso filologico e originale delle fonti emerge un quadro complessivo e unitario dei rapporti intercorsi fra i due architetti negli anni Trenta.

Ripercorrere la loro intensa attività progettuale, analizzarne i contenuti politico-culturali, evidenziarne il contributo alla definizione del fascismo italiano e del nazionalsocialismo tedesco, implica non soltanto tracciare un palinsesto inedito utile a colmare un vuoto della storiografia europea del Novecento, ma anche affrontare le diverse modalità con cui i due paesi, l’Italia e la Germania, guardano alla loro “eredità scomoda”. Alla ricerca di un senso nei meandri sempre più interdisciplinari e transculturali della ricezione contemporanea di quell’eredità.