Home / Udire  / A “ScrittuRa Festival”, Pupi Avati racconta del libro e del film sulla Ravenna di Dante

A “ScrittuRa Festival”, Pupi Avati racconta del libro e del film sulla Ravenna di Dante

pupi-avati

Foto: Pupi Avati

Ravenna, 1321: esiliato e misconosciuto, Dante Alighieri esala l’ultimo respiro. Nel convento delle clarisse di Santo Stefano degli Ulivi, l’albero di mele selvatiche che le suore chiamano «l’albero del Paradiso » smette misteriosamente di dare frutti. Trent’anni dopo Giovanni Boccaccio, studioso appassionato dell’opera dantesca, riceve un incarico singolare: andare in quel convento, dove risiede la figlia di Dante, divenuta monaca con il nome di suor Beatrice, e consegnarle un risarcimento in denaro per l’esilio ingiustamente subito da suo padre. Sarà un viaggio di riparazione e di scoperta, ma anche di fatica e pericoli, non ultima l’accoglienza non sempre entusiastica ricevuta dai conventi dove l’opera del Sommo è ancora vietata, in odore di eresia. E per Boccaccio sarà l’occasione di riandare ai momenti più importanti della vita dell’Alighieri, le sensibilità di bambino e l’incontro con Beatrice, la politica e i tradimenti, l’amarezza della cacciata da Firenze, il tormento e l’estasi della scrittura. Trovando conferma, lui, scrittore, di quanto il dolore promuova l’essere umano a una più alta conoscenza. Pupi Avati ci consegna con il suo nuovo romanzo l’opera di tre vite: l’incontro inaspettato attraverso i secoli tra un regista e scrittore e due maestri della cultura italiana. Un racconto di avventure, uno sguardo partecipe e nuovo su Dante, la ricostruzione di un Medioevo vero, sporco, luminoso e umano: una prova d’artista intessuta di passione e di poesia.

Sabato 23 aprile, in mattinata alle 11.30 a Palazzo dei Congressi di Ravenna (ingresso gratuito senza prenotazione), per le anteprime di ScrittuRa festival, sarà ospite Pupi Avati, che in dialogo con Matteo Cavezzali, parlerà de L’alta fantasia (Solferino), il libro e il film che racconta della Ravenna di Dante, attraverso gli occhi di Boccaccio.