Home / Gustare  / World Pistacchio Day 2022: quanti pistacchi si consumano in Emilia Romagna?

World Pistacchio Day 2022: quanti pistacchi si consumano in Emilia Romagna?

Pistacchi americani

Il 26 febbraio è la Giornata Mondiale del Pistacchio. L’Oro Verde ha origini molto antiche: ad esempio, si parla di pistacchi anche nel Vecchio Testamento, precisamente in Genesi 43:11.

Negli Stati Uniti la storia del pistacchio risale alla prima metà del 1900: era noto da tempo che la Central Valley della California, grazie al suolo fertile, al clima caldo e secco e agli inverni moderatamente freddi offriva le condizioni ideali per la coltivazione dei pistacchi.

In occasione di questa Giornata dedicata al pistacchio American Pistachio Growers in collaborazione con mUp Research, ha condotto una ricerca al fine di indagare il rapporto che gli emiliani hanno con i pistacchi.

Secondo i risultati della survey, questo sfizioso snack è molto amato dai cittadini dell’Emilia Romagna tanto da essere il preferito tra la frutta secca a guscio! Infatti, quasi 7 intervistati su 10 affermano di consumarlo regolarmente e oltre il 40% li consuma da… sempre!

Dalla ricerca emerge che i pistacchi vengono consumati nell’arco dell’intera giornata con un picco durante l’aperitivo, con oltre 1 persona su 2 che ammette che sono ottimi come snack insieme a olive e patatine durante l’happy hour. Sul secondo gradino del podio c’è invece il break pomeridiano: il 46% degli intervistati dichiara di mangiarli come spuntino post pranzo, mentre quasi 4 abitanti su 10 preferiscono consumarli durante la cena. Tra gli intervistati non mancano però coloro che preferiscono utilizzarli invece come ingredienti di sfiziose ricette, utilizzandoli per la realizzazione di dessert, antipasti o per arricchire primi piatti.

Il pistacchio è consumato maggiormente in inverno (per oltre 8 intervistati su 10), al secondo gradino del podio c’è l’autunno con il 73% dei voti, al terzo posto la coloratissima primavera preferita dal 61% delle persone e a chiudere la classifica, l’estate con ben il 59%.

Dalla ricerca si è percepita una discreta familiarità con i pistacchi, i loro benefici e le loro proprietà nutritive: ad esempio, in Emilia Romagna il 47% degli abitanti è consapevole che una porzione di pistacchi da 30g corrisponde a ben 50 pistacchi e il 33% sa che questa porzione ha solo 160 calorie. Tuttavia, sono ancora pochi che li considerano un buono snack post workout, per la presenza di nove amminoacidi essenziali. Infine, è emerso anche che gli intervistati non sapevano che la maggiore produzione di pistacchi è in California, dove la pianta trova un ambiente di crescita ideale.