Home / Formazione e lavoro  / Una cassetta degli attrezzi digitale per i genitori per favorire il benessere scolastico dei figli

Una cassetta degli attrezzi digitale per i genitori per favorire il benessere scolastico dei figli

studio

La scuola è finita e mentre bambini e bambine, ragazzi e ragazze, possono finalmente godersi le vacanze estive, capita spesso che i genitori si interroghino su come affiancarli nello svolgimento dei compiti o, più in generale, nei momenti di studio in vista del ritorno in classe a settembre.

 

Per rispondere a dubbi e domande, e fornire un aiuto concreto alle famiglie, la Cooperativa sociale Anastasis ha ideato una cassetta degli attrezzi ideale e digitale: una serie di quattro video pillole fruibili gratuitamente online, sul loro canale Vimeo: video pillole

Emozioni e apprendimento sono strettamente interconnessi. Nei contributi video psicologhe e psicoterapeute del Centro di apprendimento Anastasis propongono preziose riflessioni sugli aspetti emotivi, cognitivi e motivazionali coinvolti in quel processo di acquisizione dei saperi, spesso fonte di stress e ansia, sia per gli alunni che per i genitori.

 

Le video pillole fanno parte di un’iniziativa più ampia, che ha preso avvio nel settembre del 2021 a opera della Cooperativa Anastasis con il sostegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, che da sempre pone i giovani e l’educazione al centro delle proprie strategie di intervento.

Dopo la diagnosi in rete verso il benessere scolastico, è questo il titolo del progetto, che promuove il benessere scolastico e l’apprendimento, mettendo in campo azioni e buone pratiche in un’ottica innovativa e collaborativa. Finora sono stati offerti molti percorsi specialistici gratuiti per accogliere e supportare le famiglie e gli studenti con disturbi del neurosviluppo e altri Bisogni Educativi Speciali, con lo scopo di favorire l’autodeterminazione dell’alunno, ponendolo al centro di una solida rete educante, composta da insegnanti, genitori e caregivers.

 

Oggi più che mai, dopo un prolungato periodo di tempo in cui la quotidianità scolastica e i bisogni formativi sono stati rivoluzionati dalla pandemia, è necessario che alunni e alunne ritrovino la propria strada verso l’apprendimento e siano incoraggiati ad acquisire un metodo di studio personale. È in questa direzione che vanno i video di Anastasis per aiutare i genitori a creare una relazione costruttiva con i figli nei momenti di studio.
Il ruolo dei genitori nella gestione dei compiti a casa, è il primo video proposto in cui la psicologa e psicoterapeuta Sandra Bozzi invita le famiglie a comprendere quali sono gli ingredienti per uno studio efficace e quanto importante sia rafforzare la motivazione e la fiducia in sé stessi di bambini e bambine.

Uno strumento valido ai fini di un apprendimento attivo e consapevole è sicuramente quello delle mappe concettuali: ne parla nel secondo contributo Chiara Tomesani, psicologa dell’apprendimento, che illustra come costruire mappe multimediali e come utilizzarle per assimilare informazioni e concetti.

Organizzare e pianificare le attività di studio è fondamentale: la psicologa specializzata in Psicopatologie dello Sviluppo Nellia Arciuolo fornisce suggerimenti volti a ottimizzare il tempo impiegato dai bambini nello svolgimento dei compiti a casa, riducendo le fonti di distrazione per favorire la concentrazione.

Infine, nel corso del quarto video, la psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale Vania Galletti affronta una delle problematiche più comuni di studenti e studentesse, quella dell’ansia da prestazione scolastica: riconoscerne il livello di attivazione a scuola, durante le verifiche o le interrogazioni, ad esempio, è fondamentale per imparare a gestire i momenti di stress e di sconforto.

 

Il progetto Dopo la diagnosi in rete verso il benessere scolastico, che vede la Fondazione del Monte a fianco della cooperativa Anastasis, si concluderà mercoledì 7 settembre 2022 con un seminario online, rivolto ai professionisti dell’educazione, a specialisti nel campo dei disturbi del neurosviluppo e alle famiglie.

Condividi questo articolo
POST TAGS: