Home / Formazione e lavoro  / Un contributo di 7.500 euro per finanziare le attività di doposcuola a Conselice

Un contributo di 7.500 euro per finanziare le attività di doposcuola a Conselice

scuola

L’Amministrazione comunale ha stanziato un contributo di 7.500 euro per il sostegno di attività di doposcuola per aiuto compiti nell’anno scolastico 2022/2023.

Il progetto è stato pensato anche a seguito dell’attuale riforma della scuola in cui si registra una contrazione del numero delle giornate di rientro pomeridiano delle classi a modulo della scuola primaria. Questa circostanza, da un lato limita fortemente la capacità di apprendimento dei bambini, con grave danno sul rendimento scolastico e dall’altro crea ulteriori difficoltà d’integrazione in ambito scolastico e conseguentemente anche sociale.

L’amministrazione pertanto ha stabilito di pubblicare un avviso pubblico per la realizzazione dei corsi a cui è possibile partecipare con i seguenti requisiti:

essere realizzati e gestiti da Soggetti Non Profit;

essere progettati per minori in età compresa fra i 6 e i 14 anni;

essere predisposti per almeno 15 minori, per almeno 2 giorni alla settimana (dal lunedì al sabato), per almeno 2 ore giornaliere e 5 mesi nel corso dell’anno scolastico;

essere attivato, in alternativa, per almeno 15 bambini iscritti, per almeno 5 mesi

nel corso dell’anno scolastico e un numero minimo di 100 ore;

prevedere, su esplicita richiesta dei competenti uffici comunali, l’inserimento di minori disabili, concordandone le modalità.

“In continuità con gli anni precedenti abbiamo ritenuto opportuno incentivare e sostenere le associazioni che si propongono di attivare progetti volti all’aiuto – dichiara l’Assessore Cesare Zavatta – per realizzare i compiti pomeridiani e all’apprendimento della lingua italiana. E’ un sostegno alle famiglie, che spesso hanno difficoltà a conciliare i tempi di lavoro con la necessità di seguire i figli durante i compiti pomeridiani. Inoltre per i bambini è anche un’opportunità di socializzazione e di condividere un’esperienza didattica ed educativa fuori dall’ambito strettamente scolastico”