Home / Musica  / Sulla spiaggia dell’Hana-Bi di Marina di Ravenna, il festival “Beaches Brew” torna alla formula con 21 artisti da 11 Paesi al mondo

Sulla spiaggia dell’Hana-Bi di Marina di Ravenna, il festival “Beaches Brew” torna alla formula con 21 artisti da 11 Paesi al mondo

Foto: Kelman press

Foto: Kelman Duran

21 artisti da 11 paesi del mondo (Stati Uniti, Uganda, Indonesia, Australia, Olanda, Svizzera, Canada, Regno Unito, Repubblica Dominicana, Italia, Francia) si daranno appuntamento a Marina di Ravenna da lunedì 6 a giovedì 9 giugno per dare vita alla IX Edizione di Beaches Brew, il festival targato Bronson (in collaborazione con un team internazionale di curatori), che torna finalmente ad inaugurare la stagione estiva dopo il lungo stop dovuto alla pandemia e la puntata di avvicinamento realizzata nel 2021.

La IX edizione del festival torna a celebrare il senso di comunità nella musica e nell’arte, rompendo ancora una volta la barriera tra artisti e pubblico per dare vita ad un format unico nel suo genere, capace di richiamare ogni anno sulla spiaggia dell’Hana-Bi un pubblico affezionato da tutta Europa (e non solo). Quattro giorni all’insegna della scoperta tra good vibes, sole e relax, come sempre rigorosamente ad ingresso libero. Ecco il programma giornaliero della kermesse in riva al mare di Marina di Ravenna:

Lunedì 6 giugno
ore 18.00 | Molo Dalmazia [opening]
Garage Sale
Endless Boogie US
Soft Palms US
Al Doum & The Faryds IT

Martedì 7 giugno
ore 17.00 | MAR – Museo d’Arte della Città di Ravenna
Ben Shemie CA live [special event]

ore 20.00 | Hana-Bi
Nyege Nyege presents: Otim Alpha & Catu Diosis UG
Kelman Duran DO/US
Model Home US
Vera Di Lecce IT
Cemento Atlantico IT [aftershow]

Mercoledì 8 giugno ore 16.30 | Hana-Bi
Does music journalism still matter? [panel]
con Chiara Colli (Battiti – Radio3), Tom Johnson (GoldFlakePaint), Jessica Clark (Le
Guess Who?). Host Valerio Bassan

ore 20.00 | Hana-Bi
Tropical Fuck Storm AU
Horse Lords US
Automatic US
Ghost Woman CA
Leatherette IT
Dj Fitz UK [aftershow]

Giovedì 9 giugno ore 20.00 | Hana-Bi
YĪN YĪN NL
Ko Shin Moon FR
Senyawa ID
AMAMI CH
Go Dugong IT
Dj Fitz UK [aftershow]

A Beaches Brew 2022 le nuove frontiere della musica dance e world, provenienti dagli angoli più remoti del pianeta, si affiancano a sonorità psichedeliche, punk e retrofuturiste con estrema naturalezza, dando vita a nuove ibridazioni che costituiscono la colonna sonora perfetta dei tempi che stiamo vivendo, una catarsi tutta da ballare nella splendida cornice della spiaggia tra le dune: dal mix di afro pop, guayla e dub degli svizzeri AMAMI al post-punk californiano del trio tutto al femminile Automatic; dal set in solo di Ben Shemie dei SUUNS (evento speciale al MAR – Museo d’Arte della Città di Ravenna, martedì 7 giugno alle ore 17.00) all’avant garde rock degli Horse Lords; dall’acid punk apocalittico dei Tropical Fuck Storm all’indie rock cinematico dell’americano Ghost Woman; dalla miscela tra strumenti a corde della tradizione orientale ed elettronica dei francesi Ko Shin Moon alla cosmic disco-funk del duo olandese YĪN YĪN; dal dream pop dei Soft Palms ai ritmi afro-caraibici di Kelman Duran; dalla band indonesiana Senyawa, che mixa le influenze di Java con la sperimentazione più intransigente, all’esplosiva coppia ugandese composta da Otim Alpha e Catu Diosis, i cui rispettivi set saranno presentati da Nyege Nyege (collettivo fondato nel 2013 a Kampala che promuove la musica di artisti africani); dalle sperimentazioni tra afro e psichedelia del collettivo milanese Al Doum & The Faryds a quelle tra ricerca e tradizione folk del Sud Italia di Go Dugong; dalle sfuriate no wave dei bolognesi Leatherette all’elettronica catartica di Vera Di Lecce; dallo psych groove di Endless Boogie fino al groove di Model Home e Dj Fitz. Una line up assemblata fuori dai radar abituali, nella quale generi e sonorità differenti si abbinano perfettamente tra loro creando un amalgama unico.

«Per questa nuova edizione di Beaches Brew, che abbiamo voluto intitolare con un po’ di necessaria ironia Lost In Transitions — dichiarano gli organizzatori — abbiamo invitato artisti che adoriamo da tutto il mondo, molti dei quali abbiamo la fortuna di poter chiamare amici. Un festival in cui l’atmosfera, il senso di comunità e amicizia sono sempre stati un filo conduttore. La migliore ricetta per tornare a fare accendere nuovamente, ancora una volta, la magia sulla spiaggia di Marina Di Ravenna.»

Come da tradizione, l’inaugurazione del programma è lunedì 6 giugno dalle 18 presso l’Harbour Stage al Molo Dalmazia di Marina di Ravenna, che vedrà protagonista insieme ai live di giornata il Garage Sale firmato Norma Aps, market etico dal sapore europeo che promuove il consumo consapevole: Reuse before recycle, riutilizzare prima di riciclare, è lo slogan che accompagna il progetto richiamando un nuovo stile di consumo consapevole. Non un semplice mercatino del vintage, ma un cantiere itinerante di idee ed esperienze che si diletta a portare in luoghi diversi la sua idea di sostenibilità.

Tra i contenuti extra del festival, oltre al live di Ben Shemie al MAR – Museo d’Arte della Città di Ravenna martedì 7 giugno, da segnalare mercoledì 8 giugno alle ore 16:30 all’Hana-bi il panel Does music journalism still matter? From the niche to the feed: discussing the role of music magazines in 2022 (and beyond), dedicato al giornalismo musicale e alle sue più recenti trasformazioni, che vedrà coinvolti Chiara Colli (Battiti, Radio3), Christine Ochefu (The Guardian, Rolling Stone UK, CRACK Magazine, iD, Vice UK) Tom Johnson (GoldFlakePaint), Jessica Clark (Le Guess Who? – Joyful Noise). Modera Valerio Bassan (Digital Strategist ed esperto di Media digitali). Ingresso libero. Dal 7 al 9 giugno infine, tutte le sere a precedere i live all’Hana-bi, speciale warm-up con i dj set curati dagli artisti presenti al festival.

Beaches Brew è presentato da Associazione Culturale Bronson con il supporto del Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura e di Regione Emilia-Romagna.