Home / Attualità  / Sorpresa elezioni: a Ravenna, crolla il mito del collegio blindato

Sorpresa elezioni: a Ravenna, crolla il mito del collegio blindato

elezioni 2022

Risultato inatteso e, soprattutto, clamoroso quello che l’apertura delle urne ha consegnato a Ravenna. La tornata elettorale di ieri caratterizzata anche nella nostra provincia da una sensibile riduzione dell’affluenza, ha riservato una ben altra sorpresa: per la prima volta Ravenna non ha eletto un parlamentare di centrosinistra. 

 

Il collegio uninominale alla camera, considerato uno di quelli blindati, ha negato la vittoria alla sicura vincitrice della vigilia Ouidad Bakkali che è stata superata, per soli 49 voti, ma è così che funziona l’uninominale, dalla giovanissima avvocatessa cesenate Alice Buonguerrieri di Fratelli d’Italia. E un’altra ravennate, pure di FdI, il vicesindaco di Brisighella Marta Farolfi, è senatrice romagnola eletta nel collegio di Rimini. Merito del risultato del partito della Meloni che dal 2018 d oggi ha più che decuplicato i consenti passando dal 2,83% al 24,06%. 

 

E analoghi sono i risultati nel resto della Romagna dove negli scontri diretti ha prevalso ovunque il candidato del centrodestra. Persino Andrea Gnassi, l’ex sindaco di Rimini, dato per superfavorito, è stato sconfitto dal leghista Jacopo Morrone de entrerà in parlamento grazie alla candidatura di riserva nel proporzionale.

 

Ma torniamo a Ravenna e vediamo come sono andate li singole forze politiche. Primo partito si conferma il PD con una piccola crescita: dal 28,67% al 29,91, quindi Fratelli d’Italia di cui abbiamo già detto, seguito dal Movimento 5 Stelle con il 9,45% dei consensi (ma nel 2018 ne aveva ottenuti il 27,89). Male la Lega, che passa dal 17,85% del 2018 al 7,33% del 2022, e non ha brillato neppure Forza Italia che passa dal 9,24% di cinque anni fa al 5,35% di oggi. Tutto sommato modesto il risultato di Azione-ItaliaViva con l’8,7% dei voti perché, almeno in teoria, essendo alleato al PRI avrebbe dovuto ottenere qualcosa in più. +Europa passa dal 2,57% di 5 anni fa al 3,30% di oggi, mentre l’Alleanza Verdi Sinistra ottiene il 3,74%

Condividi questo articolo