Riapre i battenti dopo il restauro l'antica chiesetta di Ponte delle Assi - Piu Notizie

Riapre i battenti dopo il restauro l’antica chiesetta di Ponte delle Assi

Redazione

Riapre i battenti dopo il restauro l’antica chiesetta di Ponte delle Assi

martedì 20 Luglio 2021 - 09:40
Riapre i battenti dopo il restauro l’antica chiesetta di Ponte delle Assi

Riapre i battenti dopo il restauro, il settecentesco Oratorio dedicato alla Madonna di Pompei, meglio conosciuto dai ravennati come la chiesetta di Ponte delle Assi. L’oratorio, edificato nel 1766 per volontà del cardinale Francesco Gaetano Fantuzzi (1708-1778), e chiuso dal 1994, versava in stato di abbandono, stretto fra la Ravegnana, l’ex area Silla e gli svincoli per viale Leon Battista Alberti. Ciò nonostante, molti cittadini, residenti e non nella zona, si sono interessati attivamente per sollecitarne il restauro.

Presentazione restauro chiesetta di Ponte delle Assi

All’apertura, avvenuta lunedì 19 luglio, sono intervenuti l’arcivescovo di Ravenna e Cervia Lorenzo Ghizzoni, il sindaco Michele de Pascale, l’assessore Massimo Cameliani, l’architetto Paolo Focaccia che ha redatto il progetto di restauro, lo storico dell’arte Filippo Trerè e Loris Prati in rappresentanza del comitato per la salvaguardia dell’Oratorio. Durante la cerimonia il sindaco De Pascale ha sottolineato l’importanza del valore storico monumentale di Ravenna che oltre a ospitare gli otto celebri monumenti dell’Unesco possiede molte altre realtà di valore storico monumentale. Realtà che l’Amministrazione guarda con attenzione, dedicando risorse, ove possibile, per la loro valorizzazione, essendo parte essenziale del patrimonio culturale e storico della città. De Pascale ha inoltre ringraziato l’assessore Cameliani per l’entusiasmo dimostrato nella restituzione dell’opera alla comunità ravennate e l’impegno profuso per la ricerca dei fondi tra le imprese edili e del restauro del territorio, da aziende e studi professionali, e da privati cittadini, che hanno permesso l’acquisto dei materiali attraverso donazioni in denaro. L’intero progetto di restauro è stato realizzato e coordinato dall’architetto Paolo Focaccia su incarico dalla Curia che ha la responsabilità dell’immobile sacro.

Citandoli uno per uno, l’assessore Cameliani ha ringraziato pubblicamente tutti coloro che hanno permesso la realizzazione del restauro. Un risultato importante, ha sottolineato l’Assessore, a dimostrazione della sensibilità espressa da tanti cittadini ravennati per la realizzazione del restauro e del lodevole e notevole esperimento di raccolta fondi da imprese spesso concorrenti sul libero mercato, che hanno fatto “rete” gratuitamente prestando la loro esperienza professionale per il ripristino dell’edificio, lavorando, tra l’altro anche in questi difficili tempi di pandemia”.

Nel corso dell’inaugurazione è stata presentata la pubblicazione “Madonna del Rosario di Pompei, l’oratorio ritrovato” a cura degli architetti Paolo Focaccia e Luca Galassi, contenente gli interventi dei protagonisti, la spiegazione del tipo e delle modalità di restauro, le origini e la storia dell’oratorio affrontate in modo puntuale e approfondito.

Si ricorda che da lunedì 19 luglio e lunedì 26 luglio sono in programma le visite guidate aperte ai cittadini, dalle 18.30 alle 20.30. Le visite sono a cura di volontari esperti d’arte e non occorre la prenotazione. Per chi raggiungerà la chiesina in macchina è disponibile l’adiacente parcheggio nel piazzale dell’area ex “Silla”, con ingresso da viale Alberti, mentre l’accesso per i pedoni è quello al termine della via Bassa. Per garantire il rispetto delle norme anticovid sarà presente personale della Polizia locale.

Piùnotizie.it

Iscr. Registro Stampa del Tribunale di Ravenna al N°1424 del 19/01/2016

Direttore Responsabile: Salvatore Sangermano

Editore: London & Comunicazione

CF. P.iva - 02198490399

Contatti: redazione@piunotizie.it

© E’ vietata la riproduzione, con qualsiasi strumento, anche parziale, di testi foto e video contrassegnati dalla scritta “Riproduzione vietata “ se non autorizzati dall’Editore in forma scritta.

Piunotizie.it è una testata associata a USPI, Unione Stampa Periodica Italiana