Resta esitazione vaccinale, i medici chiedono responsabilità - Piu Notizie

Resta esitazione vaccinale, i medici chiedono responsabilità

Redazione

Resta esitazione vaccinale, i medici chiedono responsabilità

sabato 28 Novembre 2020 - 03:15
Resta esitazione vaccinale, i medici chiedono responsabilità

MILANO (ITALPRESS) – Vaccinazioni e problematiche cardiovascolari sono i temi su cui si è concentrata la sessione pomeridiana della giornata odierna della trentasettesima edizione del Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale, in corso di svolgimento via web. Di particolare attualità, in questo periodo di piena emergenza coronavirus, è la questione delle vaccinazioni antinfluenzali, raccomandate quest’anno in molte regioni agli ultrasessantenni, anzichè agli over 65 come al solito. La Simg ha presentato ai propri iscritti il documento “Porgi l’altra spalla”, il quale intende dare ai medici indicazioni pratiche su come abbinare le co-somministrazioni dei vaccini nell’adulto e anziano. Tecla Mastronuzzi, gastroenterologa e membro della SIMG, ha sottolineato l’importanza del ruolo dei medici di base nel cercare di superare la cosiddetta “esitazione vaccinale”. “Ci auspicavamo tutti che la tempesta pandemica legata al Coronavirus avesse spazzato via anche questa esitazione nei confronti delle vaccinazioni – ha spiegato -, invece purtroppo l’esitazione vaccinale continua a persistere. Si tratta di una battaglia che noi medici di base dovremo combattere in modo ancor più deciso, facendo capire che la vaccinazione è un atto di responsabilità, una cosa buona per noi stessi e per gli altri”.
Aurelio Sessa, specialista in Medicina Interna ed Endocrinologia, ha sottolineato invece i benefici delle vaccinazioni, al di fuori dei loro classici compiti: “La vaccinazione può avere un ruolo importante anche nella diminuzione degli antibiotici – ha commentato – e questo è importante soprattutto da noi perchè l’Italia è uno dei paesi con il più alto numero di decessi per antibiotico-resistenza. Bisogna poi aggiungere che le vaccinazioni riducono le infezioni virali e che attraverso di esse sarà più facilmente distinguibile altre patologie come il Covid”. Caterina Pastori, specialista in Medicina Interna, ha infine ricordato quali siano i tempi e le modalità di somministrazione dei vaccini: “Una volta fatta la vaccinazione, il paziente dovrebbe rimanere nel laboratorio per almeno 15 minuti, a meno che non sia un allergico, in quel caso dovrebbe rimanere per una quarantina di minuti – ha spiegato -. E’ poi consigliabile rimanere nelle vicinanze del laboratorio (non necessariamente nello studio) per almeno 30 minuti (60 minuti per gli allergici). Dal punto di vista delle problematiche cardiovascolari, si è confermata l’importanza del tenere un livello di colesterolo il più basso possibile, si è fatto il punto della situazione sui nuovi fattori di rischio cardiovascolare, i target da raggiungere per l’ipertensione alla luce delle nuove linee guida e il problema dell’aderenza terapeutica da parte dei pazienti.
(ITALPRESS).

Piùnotizie.it

Iscr. Registro Stampa del Tribunale di Ravenna al N°1424 del 19/01/2016

Direttore Responsabile: Salvatore Sangermano

Editore: London & Comunicazione

CF. P.iva - 02198490399

Contatti: redazione@piunotizie.it

© E’ vietata la riproduzione, con qualsiasi strumento, anche parziale, di testi foto e video contrassegnati dalla scritta “Riproduzione vietata “ se non autorizzati dall’Editore in forma scritta.

Piunotizie.it è una testata associata a USPI, Unione Stampa Periodica Italiana