Home / Economia e imprese  / Regione e Comune di Ravenna presentano “Turismo smart e opportunità per le destinazioni”

Regione e Comune di Ravenna presentano “Turismo smart e opportunità per le destinazioni”

Turismo e innovazione. Regione e Comune di Ravenna presentano “Turismo smart e opportunità per le destinazioni”, una guida operativa per realizzare idee e progetti di turismo intelligente. Salomoni e Corsini “Strumento utile per innovare ulteriormente, grazie al digitale, servizi ed esperienze, per un turismo sempre più competitivo e trainante per l’intero sistema economico”.

Il vademecum restituisce i risultati emersi nell’ambito della quarta edizione del festival After Futuri Digitali, organizzato con l’Amministrazione comunale ravennate dallo staff dell’Agenda digitale dell’Emilia-Romagna. Uno strumento che suggerisce spunti e proposte per accrescere l’attrattività dei servizi, delle esperienze e delle destinazioni turistiche puntando sulle innovazioni tecnologiche di più recente concezione.

Bologna – Una guida a carattere operativo, rivolta agli operatori e a chi si occupa di strategie decisionali e pianificazione, per favorire la realizzazione di idee e progetti di turismo intelligente e contribuire in questo modo al rilancio e all’innovazione di servizi, esperienze e destinazioni.

La quarta edizione del festival After Futuri Digitali, organizzata tra l’autunno 2020 e la primavera 2021 dalla Regione Emilia-Romagna, con lo staff dell’Agenda Digitale, e dal Comune di Ravenna, arriva al traguardo con la pubblicazione del vademecum “Turismo Smart e Opportunità per le Destinazioni”. Uno strumento che raccoglie i principali spunti emersi in occasione dei 4 talk dell’omonimo ciclo di eventi online, organizzato tra aprile e maggio 2021 con lo scopo di presentare casi concreti di utilizzo del digitale in ambito turistico, come fattore di innovazione e definizione di nuove traiettorie di competitività e sviluppo.

Grazie alle iniziative di After Futuri Digitali– dichiara l’assessora regionale all’Agenda Digitale, Paola Salomoni– è stato possibile approfondire la conoscenza di esperienze e progetti virtuosi, presentando agli operatori del settore turistico locale, e in via più estesa a chiunque interessato al tema, opportunità concrete per rilanciare le attività puntando su dinamiche digitali avanzate e ormai sempre più imprescindibili. Anche il delicato scenario attuale conferma l’importanza di mettere a sistema e valorizzare quanto le tecnologie e le competenze ad esse associate hanno da offrire al comparto turistico, e più in generale all’intero sistema economico”.

Le tecniche di raccolta, analisi ed elaborazione dei dati finalizzate ad accrescere la qualità e l’attrattività dei servizi, delle destinazioni e delle esperienze di viaggio– aggiunge l’assessore regionale al turismo, Andrea Corsini– ma anche ogni strumento utile per l’efficacia della promozione turistica e del marketing territoriale, in una logica di sviluppo sostenibile e strategico, rappresentano una risorsa chiave da sostenere e incentivare attivamente”.

“Per Ravenna è stato un grande arricchimento essere la sede seppure virtuale di After-conclude l’assessore comunale al turismo, Giacomo Costantini-. Sono contento che nonostante la difficoltà di questo periodo storico, siamo comunque riusciti a concretizzare un appuntamento ricco di spunti, analisi e interventi di alto livello. Frutto dell’intenso programma del festival, speriamo che il vademecum possa essere un utile strumento di lavoro per altre amministrazioni e destinazioni turistiche. La guida si aggiunge alle registrazioni degli appuntamenti che si trovano sulla pagina YouTube di After Festival”.

LA GUIDA “TURISMO SMART E OPPORTUNITÀ PER LE DESTINAZIONI”

Gli eventi da cui nasce il vademecum erano dedicati a quattro tematiche specifiche: Accessibilità, Sostenibilità, Design Experience e Tecnologie di Realtà Aumentata, Realtà Virtuale e Intelligenza Artificiale. Ognuno è stato condotto da un esperto del settore, al quale è stato affidato il compito di invitare al tavolo realtà imprenditoriali, progettuali e di altro genere che in questi particolari ambiti hanno già sperimentato e promosso, o hanno avuto modo di approfondire da molteplici prospettive, soluzioni ad alto tasso di innovazione e digitalizzazione. Nel ciclo di incontri sono stati coinvolti 25 relatori, in aggiunta ai 4 moderatori, per un totale di 21 esperienze presentate e approfondite. Il frutto del lavoro di ricognizione e confronto realizzato nell’ambito del festival viene ora restituito nel vademecum, all’interno del quale è possibile leggere le sintesi degli interventi dei relatori e consultare liste di buone pratiche di turismo intelligente. La pubblicazione rimanda anche alle registrazioni video integrali degli eventi e, per ognuno di essi, propone 10 “highlights”, con i quali si riassumono le principali indicazioni di principio e a carattere operativo emerse dalle discussioni.

Gli highlights costituiscono inoltre il contenuto di un’ulteriore pubblicazione “gemella”, che raccoglie e presenta le tavole grafiche realizzate in occasione del convegno internazionale “Smart Tourism and the Global Challenge”, con il quale, a novembre 2020, è stata inaugurata la quarta edizione di After Futuri Digitali. /Red.