Home / Attualità  / Ravenna, premiati gli studenti del liceo artistico per i video di “Terziario Donna Confcommercio”

Ravenna, premiati gli studenti del liceo artistico per i video di “Terziario Donna Confcommercio”

Foto: premiazione degli studenti

Nell’ex-Chiesa di Santa Maria delle Croci in via Guaccimanni, Terziario Donna Confcommercio provincia di Ravenna ha premiato questa mattina gli studenti del Liceo artistico di Ravenna che si sono classificati ai primi tre posti per la realizzazione di un video promozionale sull’attività delle donne imprenditrici ravennati.

Nei mesi scorsi, infatti, Terziario Donna ha chiesto la collaborazione del Liceo Artistico ravennate e al suo Preside Gianluca Dradi per realizzare brevi video sull’attività del gruppo rappresentativo delle imprenditrici associate a Confcommercio e operanti nei settori del commercio, del turismo, dei servizi, delle PMI e nelle professioni.

All’iniziativa hanno partecipato 15 studenti, coordinati dalla vice Preside Simona Parisi e dal professore Domenico Alberto Armone, realizzando i video che poi sono stati selezionati da Terziario Donna.

Oggi il Consiglio Terziario Donna ha premiato i primi tre classificati che sono: 1° classificato Aurora Alberti; 2° classificato: Emanuela Boschi; 3° classificato Sibilla Bissoni.

Menzione speciale, inoltre, a Francesco Golfari e Denis Casali.

Il Preside Gianluca Dradi, complimentandosi con gli studenti per il messaggio centrato e per la qualità dei video, ha affermato che «è stato un piacere collaborare con Confcommercio, per i nostri studenti è importante avere delle committenze, soggetti che avanzano richieste e che chiedono di rispettare i tempi, è utile per il futuro degli studenti, è stato in sostanza una buona occasione di relazione».

L’Assessore comunale al lavoro e politiche e cultura di genere Federica Moschini ha affermato che «il Comune di Ravenna vuole valorizzare le donne imprenditrici e anche le donne dipendenti che magari un domani possono diventare imprenditrici. É importante quando le aziende scommettono sulle donne perché nel mondo del lavoro esistono ancora discriminazioni nei confronti delle donne. Su questo c’è ancora molto lavoro da fare. Sapere che Associazioni e imprese investono sul lavoro delle donne ci aiuta». Complimentandosi con i premiati, «iniziamo dai giovani per costruire un percorso miglio re per tutti», l’assessore ha ricordato il Premio ‘Impresa Lavoro Donna 2022’ del Comune di Ravenna che intende far conoscere e valorizzare le storie delle imprenditrici femminili, come sono nate, cresciute e si sono consolidate nel tempo e le difficoltà che hanno incontrato, entrando a pieno titolo nel sistema economico del territorio.

«Siamo estremamente felici per la realizzazione di questo progetto – ha affermato Alice Branzanti, Presidente di Terziario Donna Confcommercio provincia di Ravenna – abbiamo fortemente voluto questa collaborazione che vedeva il coinvolgimento di una quarta superiore del liceo artistico. Questo video è dedicato al gruppo di tutte le imprenditrici di Confcommercio provincia di Ravenna. Vogliamo lodare l’impegno e attenzione che questi ragazzi hanno avuto nei nostri confronti, dal primo colloquio con loro ci siamo rese conto che la scelta del nostro gruppo di lavorare con una scuola era la scelta giusta. Volevamo un video che arrivasse al cuore di tutte le donne imprenditrici, ma che parlasse anche ai giovani nel linguaggio dei giovani.

La decisione avviare un’impresa è uno strumento nelle mani dei nostri giovani che hanno bisogno di sapere che nel panorama delle loro opzioni hanno anche quella di dare vita alle loro idee. Terziario Donna Confcommercio è il gruppo a cui appartengono tutte le donne imprenditrici al quale si possono rivolgere per un sostegno alla loro attività imprenditoriale. Il nostro grazie va a tutti i ragazzi che hanno dimostrato tutta la loro serietà, alla Vice Preside Simona Parisi per la sua estrema disponibilità, al professore Domenico Alberto Armone per la sua gentilezza e infine al Preside Gianluca Dradi per aver sostenuto questa nostra idea».