Home / Economia e imprese  / Ravenna Holding: approvato dal Cda il budget 2022

Ravenna Holding: approvato dal Cda il budget 2022

Mara Roncuzzi presidente di Ravenna Holding

Foto: la presidente Mara Roncuzzi.

Nel pomeriggio di ieri è stata presentata in commissione consiliare a Ravenna la relazione previsionale 2022-2024, già approvata dal Consiglio di Amministrazione di Ravenna Holding S.p.A.  Pur considerando l’emergenza sanitaria ancora in corso, le cui conseguenze non risultano agevolmente quantificabili, il conto economico continua ad evidenziare in modo strutturale risultati molto positivi per tutto il periodo di piano.  La posizione finanziaria netta prevista nel prossimo triennio presenta valori pienamente sostenibili, garantendo l’equilibrio dei flussi in entrata e in uscita nel medio periodo, che si conferma un obiettivo non derogabile e da monitorare costantemente.  Le previsioni dei flussi in uscita tengono conto dell’esigenza di garantire il progressivo rimborso del debito, oltre che della prevista distribuzione di dividendi in misura molto significativa, e del finanziamento degli importanti investimenti programmati. Le previsioni in entrata individuate dal Consiglio di Amministrazione garantiscono un equilibrio prospettico tendenziale.  Si conferma per il debito bancario a medio-lungo termine della società la tendenza a diminuire progressivamente, nonostante l’ipotizzata accensione di nuovi finanziamenti.  La programmazione relativa alla distribuzione di dividendi prevista nel triennio di Piano prevede, sulla base degli indirizzi dei soci, un dividendo straordinario di circa 10 milioni nel 2022, reso possibile dal risultato previsto per l’esercizio 2021 (oltre 13 milioni di Euro), e per gli anni 2023 e 2024, la distribuzione di un dividendo “ordinario” per circa 8,2 milioni di euro.

Per l’esercizio 2022, in particolare, è stimato un risultato netto pari a euro 11.331.343. Nel corso del 2022 si prevede lo sviluppo progettuale e l’avvio delle procedure di gara di alcuni interventi su immobili e aree di proprietà di Ravenna Holding o degli enti soci, ed in particolare: la nuova caserma dei Carabinieri a Marina di Ravenna; l’intervento di riqualificazione dell’immobile di Viale Farini (Isola S. Giovanni) ad uso studentato in collaborazione con Fondazione Flaminia; la  nuova caserma della Polizia Locale con riorganizzazione dell’area a servizio del Trasporto Pubblico Locale in via delle Industrie; la valorizzazione urbanistica di due aree a Savio di Ravenna e in zona Bassette Ovest; la realizzazione di laboratori di ricerca, in collaborazione con Certimac, presso il Parco Scientifico e Tecnologico Evangelista Torricelli di Faenza (progetto Revamp). Va ribadito infine che l’organigramma della Holding individua le dotazioni di personale in una logica di gruppo, tenendo conto delle funzioni centralizzate, e con una visione di carattere funzionale, nel perimetro del gruppo ristretto. L’ulteriore evoluzione dell’assetto organizzativo 2022-2024 conferma l’obiettivo di rafforzare modalità sempre più strutturate di rapporto tra la Holding e le società del gruppo “ristretto”, finalizzate anche all’esercizio di un’efficace attività di direzione coordinamento e controllo, e a garantire un’applicazione omogenea nel gruppo delle normative.  Si conferma altresì lo schema operativo che prevede il sostanziale ribaltamento dei costi incrementativi per personale e distacchi, con recupero attraverso i contratti di service a favore delle società controllate, a conferma dell’approccio “di gruppo” utilizzato nella pianificazione delle dotazioni di personale per un crescente numero di funzioni.