Home / Attualità  / Ravenna, corsa al rinnovo delle tessere elettorali. Stamattina lunghe file con almeno 100 persone in attesa

Ravenna, corsa al rinnovo delle tessere elettorali. Stamattina lunghe file con almeno 100 persone in attesa

Alta affluenza e grandi file questa mattina agli uffici dello Sportello Polifunzionale di via Berlinguer a Ravenna. Per richiedere le tessera elettorali ‘esaurite’, ossia prive degli appositi spazi per votare, oppure smarrite, un’attesa di almeno un’ora in tarda mattinata, con 80-100 persone davanti. Un tempo tutto sommato accettabile grazie alla velocità dei tre sportelli aperti in contemporanea. Questo non ha però impedito che qualcuno decidesse di rinunciare e tornare a casa.

 

 

«Le elezioni politiche nazionali sono sempre molto sentite – afferma un’impiegata del Comune –. In genere, c’è sempre tanta gente per questo tipo di appuntamento. Nulla a che vedere con l’affluenza degli ultimi referendum. Probabilmente molte persone che già avevano esaurito gli spazi nella tessera elettorale, se ne sono accorti ora».

 

 

Ed è proprio così in alcuni casi. «Ero già andata al seggio per votare – racconta Elisa Folegatti – che, aprendo la tessera, mi sono accorta che era completa. Così sono dovuta correre all’Ufficio elettorale ma non pensavo ci fosse una tale fila. Peccato non essere riuscita a organizzami per tempo». Nell’attesa, non mancano anche le battute per ‘stemperare’ l’attesa: «Forse la pandemia ha fatto smarrire qualche tessera elettorale in più del solito…».

 

 

Quest’anno al voto per Camera e Senato partecipato 120.156 ravennati che hanno a disposizione 165 seggi sparsi nel Comune di Ravenna. Nel 2018, su 119.247 elettori, andarono alle urne in 93.454, pari al 78,37%. E tornando proprio al dato dei duplicati elettorali: nel 2018, l’Ufficio Anagrafe ne rilasciò 1.700 nella settimana precedente il voto; quest’anno 1.226 di cui solo nella giornata di oggi 676 (ndr, dato aggiornato alle 15). Pare dunque confermata l’ipotesi che in molti si siano ridotti proprio all’ultimo giorno, ossia a quello delle elezioni per mettersi in regolare e poter votare.

Condividi questo articolo