Home / Attualità  / Ravenna, assemblea pubblica della Cgil in piazza Marsala per ascoltare la voce del mondo del lavoro l’1 giugno

Ravenna, assemblea pubblica della Cgil in piazza Marsala per ascoltare la voce del mondo del lavoro l’1 giugno

Foto: manifestazione sindacale – Valeriani Bruno, Regione Emilia-Romagna A.I.U.S.G.

La Cgil organizza per mercoledì 1 giugno in piazza Marsala a Ravenna, con inizio alle 9.30, l’assemblea provinciale delle delegate, dei delegati, degli attivisti e delle attiviste per discutere di “Pace, lavoro, giustizia sociale”. I rappresentanti delle lavoratrici e dei lavoratori, dei pensionati, dei precari, racconteranno in prima persona la propria condizione di vita e di lavoro.

L’assemblea sarà introdotta da Marinella Melandri, segretaria generale della Cgil di Ravenna, e le conclusioni saranno affidate a Nicola Marongiu della Cgil nazionale. È previsto il contributo di esponenti del mondo dell’associazionismo e sono stati invitati gli amministratori del territorio per dare vita a un appuntamento di ascolto e di presa di coscienza della difficoltà e delle dinamiche in atto. Le transizioni in atto, la pandemia, la guerra in Ucraina creano e alimentano condizioni di precarietà, di disagio sociale, di povertà diffusa, anche per chi lavora, che necessitano di provvedimenti urgenti  e interventi strutturali nel segno della giustizia sociale. L’assemblea pubblica del 1 giugno sarà un primo momento di presa di coscienza della straordinarietà della situazione, a cui la Cgil risponde con richieste e proposte precise.

L’appuntamento del 1 giugno in piazza Marsala a Ravenna si inserisce in un percorso nazionale di assemblee pubbliche territoriali che si concluderà con una grande assemblea (in forma aperta) prevista a Roma, in piazza del Popolo, per sabato 18 giugno.

«Riteniamo sia importante dare voce ai bisogni delle persone e creare opportunità di ascolto per il sindacato, per le istituzioni, per le formazioni politiche – commenta la segretaria generale della Cgil di Ravenna, Marinella Melandri -. Viviamo in una fase complessa, piena di contraddizioni, di difficoltà per il mondo del lavoro e per i pensionati, di preoccupazioni per il presente e per il futuro. È il momento della solidarietà e delle scelte: bisogna decidere di usare le risorse pubbliche per chi ha più bisogno, per chi rispetta i diritti dei lavoratori, per l’istruzione e per la sanità pubblica e universale. In questa fase così complessa, la Cgil fa appello a tutte le forze sane e democratiche dell’Italia, perché è necessario rimettere in sintonia il paese reale con chi ha la responsabilità di assumere decisioni. La Cgil mette a disposizione la propria elaborazione, frutto dell’ascolto e del dialogo con i rappresentanti del mondo del lavoro, con i pensionati, con i precari che hanno necessità di risultati positivi».