Rave’enna e... lo stoccaggio di CO2 a Ravenna - Piu Notizie

Rave’enna e… lo stoccaggio di CO2 a Ravenna

Redazione

Rave’enna e… lo stoccaggio di CO2 a Ravenna

venerdì 23 Aprile 2021 - 15:00
Rave’enna e… lo stoccaggio di CO2 a Ravenna

di Daniele Vistoli architettoIl Forestiere instruito delle cose notabili della città di Ravenna, avrà certamente avvertito, che è in essere da mesi, la proposta di stoccaggio di CO2, nei fondali marini di fronte a Ravenna. Prima di esprimere un giudizio, celebro due affermazioni che mi appartengono: 1) per attrarre finanziamenti europei e investimenti, non serve avere ragioni da vendere, ma un politico di rango nazionale (il nostro ultimo è stato Zaccagnini); 2) nella società capitalista, ai grandi investimenti ne seguono altri; ai piccoli ne seguono altri… della miseria. Per uscire dalla mentalità ravennate dell’ultimo secolo e mezzo, dopo il 1863 per intenderci, la “rinuncia” alla Ravenna Firenze ferroviaria, attraverso la valle del Senio e le due stazioni, una a Porto Corsini e una alla via Maggiore, all’aquila che si crede un pollo, serve un poco di pragmatismo. E’ ovvio che il deposito, è in parte una scusa, per raschiare il fondo del barile del giacimento, ma lo è altrettanto, che senza un grande investimento su Ravenna, come la chimica di stato degli anni 50’, 60’, noi ne non avremo mai di altri, per le energie alternative e la rigenerazione del polo chimico. E’ pura illusione. D’altra parte, la transizione energetica non sarà né breve, né univoca. Per non essere una semplice discarica, alziamo il tiro e CONDIZIONIAMO l’operazione, a quanto ci serve, perché cessi il divario del 50% di disoccupazione giovanile, con le province dell’Emilia e perché il bilancio ecologico, economico, si chiuda col segno più. Serve un porto internazionale NAPA off shore, a 8 miglia marine dalla costa ravennate, gestito con Venezia, Trieste, Koper, Rijeka; il vero terminale della via della seta marittima, che la faccia finita per sempre, coi dragaggi del Candiano e le vecchie barchette della Lego. Serve un’autostrada ferro gomma, da Rimini a Venezia, che renda Ravenna passante e non di testa, rispetto al corridoio adriatico; che faccia cessare il massacro di vittime, della SS 309 Romea, la strada della morte. Ai miei amici, che fanno il signor no a prescindere, a Ravenna e poi, furbacchioni, mandano i figli a lavorare all’estero, dal signor si, dico: è meno inquinante, turarsi il naso per questa proposta, che farlo per certa politica, al cappio degli Asinelli… o no, silenziosa Principessa Ravenna, chiusa nella tua fredda stanza?    

Tag:

Piùnotizie.it

Iscr. Registro Stampa del Tribunale di Ravenna al N°1424 del 19/01/2016

Direttore Responsabile: Salvatore Sangermano

Editore: London & Comunicazione

CF. P.iva - 02198490399

Contatti: redazione@piunotizie.it

© E’ vietata la riproduzione, con qualsiasi strumento, anche parziale, di testi foto e video contrassegnati dalla scritta “Riproduzione vietata “ se non autorizzati dall’Editore in forma scritta.

Piunotizie.it è una testata associata a USPI, Unione Stampa Periodica Italiana