Parchi Faenza: sono iniziati i lavori di ripristino dopo l’alluvione

Sono in corso a Parco Azzurro, nella zona di via Testi, nell’area verde di via Lama, nel Borgotto, e nell’area di via Argnani. Isola: «Stiamo riconquistando gli spazi urbani».

Parchi Faenza

Parchi Faenza: iniziato il ripristino dopo l’alluvione. Il Comune di Faenza ha individuato alcune aree verdi che hanno subito danni durante l’alluvione di maggio, sulle quali intervenire urgentemente. In questi giorni, le ditte incaricate dall’amministrazione hanno iniziato i lavori nel Parco Azzurro, nella zona di via Testi, nell’area verde di via Lama, nel Borgotto, e nell’area di via Argnani.

Ciò è stato possibile a seguito dell’Ordinanza n. 13/2023 del Commissario straordinario, che disciplina il finanziamento per interventi di ricostruzione, ripristino e riparazione per le più impellenti necessità legate alla viabilità.

Il costo complessivo degli interventi ammonta a circa 500mila euro, che trova copertura finanziaria nel bilancio del Comune di Faenza, nell’annualità 2023 e 2024, sul capitolo relativo “Alluvione – Ripristino percorsi in parchi e giardini” finanziato con contributo statale (fondi alluvione).  

I lavori per pulire e rimettere in sesto le aree verdi alluvionate

Nel Parco Azzurro, completamente sommerso dall’acqua, i danni riguardano alcune strutture tra le quali il cancello d’ingresso da via Testi e alle attrezzature ludiche. Non solo, l’alluvione del 16 maggio dello scorso anno aveva fatto depositare circa 15 centimetri di fango, che avevano totalmente ricoperto l’area verde, i percorsi pedonali e il campo da basket.

Parchi Faenza

Gli operai sono al lavoro per rimuovere la frazione colloidale mentre gli stradelli sono già stati liberati dal fango e successivamente lavati con getti di acqua ad alta pressione. Con il fango rimosso dal terreno è stata deciso di creare un terrapieno tra il campo da basket e via Lesi che potrà servire da seduta naturale per i ragazzi che frequentano l’area verde.

Parchi Faenza

In zona l’intervento di pulizia dal fango ha interessato anche l’accesso al Parco da via Testi, con il lavaggio ad alta pressione delle scale e dello scivolo. I manutentori stanno inoltre liberando dalla frazione colloidale anche l’area di sgambamento cani poco distante dal Parco Azzurro, dove verrà anche posizionata una casetta in legno, chiesta dal gruppo di frequentatori che si occupa della gestione di quello spazio, e la ciclopista che conduce al circuito Vito Ortelli. Tra gli interventi di manutenzione straordinaria in zona, da segnalare anche la pulizia, che partirà a breve, dei percorsi pedonali nell’area dei condomini di via Lesi. 

Altra zona verde nella quale si sta intervenendo è quella dell’area di via Lama, nel Borgotto. Il piccolo spazio, completamente invaso dal fango, si sta eliminando lo strato limaccioso portato dalle ‘rotture’ del Lamone e si sta ripristinando l’accesso pedonale verso l’argine.

Lavori già iniziati anche nella zona attorno a via Argnani. Qui la lunga aiuola tra via Ballardini e via Batticuccolo è stata liberata dal fango; stessa operazione sta interessando i percorsi ciclopedonali che costeggiano la circonvallazione e via Ballardini, lavati con getti di acqua ad alta pressione.

Parchi Faenza

Le parole del Sindaco

«I lavori nelle aree verdi -ha sottolineato il sindaco Massimo Isola– sono un passaggio importante nella ricostruzione nel post-alluvione sia perché ci consente di rigenerare luoghi importanti della città sia per l’alto valore simbolico che l’operazione rappresenta. I parchi di Faenza hanno sofferto e sono diventati uno dei simboli dell’emergenza alluvionale e questo grande cantiere urbano diventa una delle icone della ricostruzione della nostra città. In questi giorni stiamo riconquistando passo dopo passo spazi urbani dei quali avevamo perso la loro funzionalità soffrendone l’assenza della loro piena fruibilità. Sono convinto che queste rigenerazioni consentiranno a tanti cittadini di rivivere luoghi cari e importanti per le famiglie».



Sopralluoghi e prossimi passi: Parco Gatti, Parco Baden Powel

Nella mattinata del 25 gennaio, inoltre, i responsabili della ditta incaricata dai lavori, il personale del Servizio di manutenzione del verde dell’Unione e dell’amministrazione comunale hanno effettuato un sopralluogo in un’altra zona di Faenza colpita per due volte dalle alluvioni, il Parco Gatti, tra via Pantoli e la circonvallazione. Qui si interverrà per ripristinare i livelli del terreno; verranno asportati i materiali inerti trasportati dall’acqua, si effettueranno alcuni collegamenti per la regimentazione delle acquee di scolo e si verificherà la stabilità delle alberature.

I lavori proseguiranno successivamente nei parchi Cola, Liverani, nell’area verde di via Renaccio e nel parco Baden Powel.

Leggi anche: Il Ponte delle Grazie a Faenza riaprirà in via provvisoria: 200mila euro per rinforzarlo

Parchi Faenza

Dalla stessa categoria