Home / Economia e imprese  / Oltre 200 mila in formazione professionale per i giovani dalla Fondazione Dalle Fabbriche – Multifor di Faenza nel 2021

Oltre 200 mila in formazione professionale per i giovani dalla Fondazione Dalle Fabbriche – Multifor di Faenza nel 2021

Foto: assemblea della Fondazione

Alla Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche – Multifor ETS di Faenza è stato approvato il Bilancio dell’esercizio 2021, un anno particolare sia perché ancora condizionato dalla pandemia ma anche per l’avvio della Fondazione nata dalla fusione tra Fondazione Dalle Fabbriche di Faenza e Fondazione Multifor di Forlì, operazione conclusa l’11 aprile 2022 dal provvedimento di iscrizione nel “RUNTS – Registro Unico Nazionale del Terzo Settore” da parte della Regione Emilia-Romagna, con l’inserimento dell’acronimo ETS nella ragione sociale della Fondazione.

La Fondazione, nel 2021, ha impiegato oltre duecentomila euro in attività di formazione verso i giovani, di promozione del modello cooperativo sul territorio e per azioni di solidarietà.

Ciò è stato realizzato attraverso Borse di studio, di ricerca con progetti post laurea, tirocini all’estero e in Italia, oltre ad attività di orientamento al post diploma.

L’impiego di risorse è stato reso possibile dai fondi e contributi stanziati da La BCC, Credito cooperativo ravennate forlivese e imolese, di cui la Fondazione è uno dei partner principali per le azioni di responsabilità sociale, nel campo scolastico per la formazione dei giovani e per il sostegno mutualistico alle famiglie in stato di disagio.

Nel corso dell’assemblea, dopo la relazione del Presidente Edo Miserocchi è stato approvato il Bilancio di esercizio per l’anno 2021 e la Relazione di missione presentata dal Consiglio di Amministrazione.

Nella parte conclusiva dell’assemblea sono stati premiati i ragazzi assegnatari delle Borse di studio e di ricerca dell’anno 2022.

I progetti su cui lavoreranno, al termine della attività, saranno pubblicati sul sito della Fondazione Dalle Fabbriche, dando “la voce ai giovani”, come già capitato per le tante attività di ricerca svolte negli anni scorsi e tutte consultabili e scaricabili liberamente sul sito web della Fondazione.