Home / Cibo  / Nuova sfida per lo chef stellato ravennate Alberto Faccani: apre il “Magnolia” a Longiano

Nuova sfida per lo chef stellato ravennate Alberto Faccani: apre il “Magnolia” a Longiano

Alberto Faccani

Foto: lo chef Alberto Faccani

Il “trasloco” è appena avvenuto e il ristorante due volte stellato Magnolia ha trovato una nuova “casa” sulle dolci colline di Longiano. Così lo chef ravennate Alberto Faccani si è espresso sul trasferimento: «Emozionati per questa nuova sfida, consapevoli del lavoro che ci aspetta ma anche entusiasti per questo nuovo percorso che affronteremo con determinazione e passione. Salutiamo Cesenatico, città che amiamo e che ci ha accolto magnificamente in questi anni» .

Il 1° aprile si è tenuto il primo servizio a cena nella suggestiva location. «L’emozione – spiega Faccani – è stata quella di quando si invitano gli amici a visitare la nuova casa: orgoglio e condivisione. Il nostro obiettivo è quello di portare il sapore del mare tra le albe e i tramonti delle dolci colline romagnole. E non solo. Cercheremo di creare una cucina viva, identitaria, un racconto completo del territorio e dei suoi sapori. La passione per questa scommessa ci regala la forza per disegnare una nuova “esperienza Magnolia”».

Due stelle Michelin dal 2017, il ristorante Magnolia è «il luogo in cui il cibo diventa esperienza, e la serata viene condita da sorprese inaspettate», così ama definirlo Faccani. L’amore per la cucina lo accompagna fin da bambino, che sempre ripeteva che da grande avrebbe fatto il cuoco. Una passione alimentata poi dal continuo studio, dalla curiosità infinita e dalla continua voglia di sperimentazione e conoscere che – con il tempo – lo ha portato a diventare, fin da giovanissimo, membro dei Jeunes Restaurateurs d’Europe. La sua è una cucina di prodotto, di tecnica e di ricerca, fondata sulla qualità e valorizzazione delle materie prime del territorio, sulla conoscenza di nuovi sapori e consistenze. La prima stella Michelin è arrivata nel 2015, e soli due anni dopo la seconda.

Condividi questo articolo