Home / Udire  / Nel segno di Boris Belkin l’avvio della collaborazione tra la Cherubini e l’Accademia “Incontri col Maestro”

Nel segno di Boris Belkin l’avvio della collaborazione tra la Cherubini e l’Accademia “Incontri col Maestro”

Boris_Belkin

Foto: Boris Belkin

Intrecciare l’esperienza didattica a quella sulla scena, la formazione all’arte: è questo l’orizzonte che accomuna l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini alla Fondazione Accademia Internazionale Incontri col Maestro di Imola. L’affinità elettiva si concretizza in un nuovo progetto articolato in una masterclass di tre giorni e un concerto finale, entrambi ospitati nell’auditorium di San Romualdo di Ravenna. Dal 28 al 30 aprile (dalle 14.30 alle 20) i Cherubini, affiancati da alcuni musicisti dell’Istituto Superiore di Studi Musicali G. Verdi di Ravenna, lavoreranno con Boris Belkin, direttore dell’Accademia del violino a Imola, sul Concerto per due violini BWV 1043 di Bach e il Concerto per violino e orchestra n. 1 op. 26 di Max Bruch. I brani saranno quindi presentati in concerto domenica 1° maggio, alle 21. La partecipazione alla masterclass in qualità di uditore è libera e fino a esaurimento posti per gli allievi dell’ISSM G. Verdi, dei conservatori e licei musicali dell’Emilia Romagna e della stessa Accademia Incontri col Maestro.

«San Romualdo ospita una vera fucina di talenti», commenta Antonio De Rosa, coordinatore dell’Orchestra Cherubini, che proprio nell’auditorium ha trovato una nuova casa in città: «dopo le recenti esperienze con il violoncellista e compositore Giovanni Sollima e il pianista David Fray, questa nuova collaborazione va ad arricchire il percorso di formazione affidato in primis al Maestro Riccardo Muti, che sin dalla fondazione della Cherubini ha desiderato farne uno spazio di altissima formazione per giovani musicisti». Il nuovo progetto, realizzato in collaborazione anche con l’Istituto Verdi, nasce nel
segno di Boris Belkin, «artista la cui lunga carriera si è sviluppata al fianco dei più importanti direttori d’orchestra – sottolinea Angela Maria Gidaro, Sovrintendente della Fondazione Accademia di Imola – ma anche musicista che si è dedicato fin dagli inizi della sua professione all’insegnamento. Con la sua guida, accorciamo una volta ancora le distanze tra allievo e concertista, nel momento dell’interpretazione».

«Oggi il nostro più importante scopo è trasmettere alle giovani generazioni la nostra arte e la nostra esperienza affinché tutto ciò che noi abbiamo appreso sia utile per la loro crescita e formazione – spiega Boris Belkin – Dedicarmi ai giovani dell’Orchestra Cherubini attraverso pagine di musica come il concerto di Bruch, che ha accompagnato fin dagli inizi la mia carriera, e il concerto per due violini di Bach, per il quale sceglierò i due solisti tra i musicisti della Cherubini durante la masterclass, sarà un’esperienza entusiasmante». La collaborazione trae spunto dal concerto straordinario diretto da Muti a Imola lo scorso settembre, organizzato dall’Accademia Incontri col Maestro, che per l’occasione si è presentata nelle proprie rinnovate vesti di Fondazione con otto indirizzi musicali che abbracciano percorsi sia di perfezionamento che di formazione universitaria. «Il rapporto tra Imola e Ravenna non si ferma qui – aggiungono De Rosa e Gidaro – e continuerà allargandosi ad altri strumenti e altri solisti che potranno incontrare l’orchestra in progetti di formazione ed esecuzione».

Per acquistare le prevendite del concerto rivolgersi alla biglietteria Teatro Alighieri tel. 0544 249244, sul sito o agli uffici IAT Ravenna – La Cassa di Ravenna Spa (tutte le filiali).

Il biglietto costa 15 euro (ridotto uditori 10 euro).

È possibile iscriversi alla masterclass come uditore inviando email (nome – cognome – date di partecipazione) a info@imolamusicacademies.org.