Home / Formazione e lavoro  / L’Università di Bologna si conferma nella top 200 mondiale e nel miglior 1% fra gli atenei del mondo

L’Università di Bologna si conferma nella top 200 mondiale e nel miglior 1% fra gli atenei del mondo

Foto: La Biblioteca Universitaria di Bologna a Palazzo Poggi - pagina FB Unibo

Foto: La Biblioteca Universitaria di Bologna a Palazzo Poggi – pagina FB Unibo

L’Università di Bologna, di cui fa parte anche il Campus di Ravenna, scala le classifiche passando dal 13° al 12° percentile delle migliori università censite da QS (QS World University Rankings), grazie a una crescita complessiva che la porta a migliorare costantemente i propri risultati. Si posiziona 167° al mondo nonostante si registri un consistente aumento delle università prese in considerazione dal ranking (quest’anno sono 1422; 124 in più dell’anno precedente).

In Italia l’ateneo si colloca al 2° posto; 67° in Europa e 73° a livello mondiale per Reputazione Accademica. In particolare, rispetto a quest’ultimo indicatore, che è il più rilevante della classifica (compone il 40% della valutazione finale) ed è basato sulle valutazioni di oltre 151.000 accademici, l’Ateneo guadagna il primo posto in Italia e il 20° in Europa.

Benché i ranking internazionali offrano una visione parziale, questi risultati sono motivo di grande soddisfazione, soprattutto se si considerano i parametri utilizzati per stilare la graduatoria, che favoriscono le università con un basso numero di studenti per docente.

«L’Alma Mater – commenta il Rettore Giovanni Molari – si confronta e compete con le migliori Università del mondo senza rinunciare alla sua natura di grande Università aperta e inclusiva. Garantire alti livelli qualitativi e reputazionali e contemporaneamente rispettare la nostra identità di mega-Ateneo pubblico è uno dei nostri vanti. Dobbiamo questi e altri risultati all’impegno generoso di migliaia di colleghe e colleghi che si riconoscono nei valori dell’Alma Mater e lavorano quotidianamente per tradurli in azioni concrete».