Home / Attualità  / Libretti postali “dormienti”. Come evitarne l’estinzione dopo il 21 giugno

Libretti postali “dormienti”. Come evitarne l’estinzione dopo il 21 giugno

Foto: ufficio postale

Il 21 giugno saranno estinti tutti i libretti postali aperti presso le filiali di Poste Italiane e che non hanno subito transazioni negli ultimi 10 anni.

Nel caso in cui si è in possesso di un libretto risparmi che non si utilizza da un po’ di tempo, è necessario controllare la lista dei libretti dormienti sul sito di Poste Italiane, tramite il numero verde gratuito oppure recandosi presso gli uffici postali.

Stessa sorte toccherà anche ai conti correnti, depositi di denaro, fondi d’investimento e assegni circolari su cui non risultano operazioni da almeno 10 anni.

Nel caso in cui le Poste Italiane non ricevono comunicazioni al riguardo, i risparmi saranno trasferiti al Fondo rapporto gestito da Consap, al quale si ci potrà rivolgere per ottenere il rimborso.

Il proprio denaro potrà essere recuperato entro il 2032.

POST TAGS: