Home / Vedere  / La sezione ravennate del Tiro a segno compie 160 anni. Incontro, trofeo interforze e cerimonia il 14 maggio

La sezione ravennate del Tiro a segno compie 160 anni. Incontro, trofeo interforze e cerimonia il 14 maggio

160 anni tiro a segno

Foto: a sinistra Ivo Angelini

Questa è la settimana in cui la sezione ravennate del Tiro a segno nazionale festeggia il centosessantesimo anniversario della fondazione. Una ricorrenza che capita in un momento d’oro per la sezione di via Trieste 180, sia sul fronte dell’adesione e partecipazione che dei risultati sportivi. Attualmente, i soci sono 1.500, grazie alla recente acquisizione di cento agenti provenienti da Cesena, abituati in passato ad allenarsi al poligono di Santarcangelo di Romagna. Circa la metà, sono agenti delle forze dell’ordine che hanno l’obbligo di allenarsi, la restante metà atleti e appassionati.

Molto risalto ha avuto di recente il nome della giovanissima Sofia Ceccarello, che ha partecipato alle ultime olimpiadi, ma numerosi sono gli atleti ravennati che si sono messi in evidenza anche di recente. Qualche numero utile? Lo scorso 1 maggio alla TSN Ora Bolzano, gara valida per la finale del Campionato Italiano di Target Sprint, Giovanni Pezzi ha vinto la medaglia d’oro per la categoria Uomini e Matteo Masotti quella per la categoria allievi. Sempre Pezzi ha poi vinto la medaglia d’oro al Gran Prix di Dingdolfing in Germania, lo scorso 7 maggio. Durante la seconda prova del trofeo Ranking Tsn Bologna, domenica scorsa, Michelangela Zannoni ha stabilito il record sezionale con 562/600 in JD Ps 60 colpi, mentre Nicola Maffei il nuovo record italiano con 5727600 in PA MU 60 colpi

«Questo è un bel momento e siamo soddisfatti – ricorda il presidente della sezione ravennate Ivo Angelini –. Fra l’altro, il Comune sta acquisendo tutta l’area del tiro a segno, compresa la parte storica per cui la Sovrintendenza ha già deciso il vincolo da dare. Entro la fine di quest’anno, al più tardi a metà del 2023, si dovrebbe completare l’intera operazione».

Durante la serata di mercoledì 11 maggio alle 18.30, alla sala Buzzi di via Berlinguer, il pubblico potrà visionare i primi rendering di Officina Meme a cui il Tiro a segno di Ravenna ha affidato il progetto esecutivo dei nuovi poligoni. La serata, a cui parteciperà anche il giornalista ed ex presidente Coni Emilia Romagna Umberto Suprani, sarà caratterizzata dall’incontro con l’assessore allo sport Giacomo Costantini sul Futuro dell’impianto di via Trieste.

La giornata di celebrazioni si terrà poi sabato 14 maggio a partire dalle 8.30 di mattina, quando prenderà il via il primo il primo Trofeo interforze del 160esimo a cui parteciperanno le squadre dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato e delle Polizie Municipali di Ravenna, Cervia, Comacchio e Cesena. Gli ospiti e le autorità inviate, fra cui prefetto Castrese De Rosa, il direttore marittimo dell’Emilia Romagna e comandante del Compartimento marittimo di Ravenna Francesco Cimmino, il sindaco Michele De Pascale e il comandante del poligono di Foce Reno Simone Barbadoro, visiteranno i locali e gli stand di tiro, oltre che il campo abilitato alla specialità di Target Sprint. Seguirà l’ingresso nella sede storica della banda dei bersaglieri di Ravenna, la cerimonia dell’alza bandiera effettuata dai giovani atleti e lo svelamento della targa ricordo. A mezzogiorno, infine, si terrà la premiazione da parte dei relativi Comandanti delle squadre che hanno partecipato alla prima gara interforze che sarà replicata ogni anno.