Irene De Ruvo, per un nuovo spettacolo musicale, del “Rossini Open”

Lo spettacolo andrà in scena giovedì 9 novembre alle ore 20.30 nella Chiesa del Carmine di Lugo

Il festival “Rossini Open” prosegue giovedì 9 novembre alle ore 20.30 nella Chiesa del Carmine di Lugo, con Irene De Ruvo per un nuovo appuntamento musicale sul celebre organo costruito da Gaetano Callido nel 1797, restaurato da Formentelli nel 1967, considerato uno dei migliori organi italiani al mondo: ricordiamo a tale proposito la stupenda  registrazione che il sommo organista olandese Gustav Leonhardt effettuò su questo straordinario strumento nel 1974 per la Collana di Organi Antichi dell’etichetta Seon/BMG, allorché furono chiuse al traffico le strade limitrofe alla chiesa per attutire i rumori del traffico.

Dopo quasi cinquant’anni da quella storica incisione, questa volta a suonare il Callido del Carmine sarà l’organista Irene De Ruvo, specializzata in organo barocco a Basilea con Jean-Claude Zehnder e titolare di cattedra a Cosenza, impegnata in un singolare programma intitolato “Le radici nella musica popolare” con musiche cinque e seicentesche di Francesco Feroci, Domenico Zipoli, Johann Kaspar Kerll, Girolamo Frescobaldi, Christian Erbach, Johann Froberger, Bernardo Storace e Giovanni Battista Dalla Gostena. Autore quest’ultimo di cui Irene De Ruvo ha inciso l’opera organistica nel 2016 per la raffinata etichetta belga Arcana.

Irene De Ruvo

Dopo essersi diplomata in Organo e composizione organistica, Clavicembalo e Pianoforte, ha conseguito il biennio superiore in Organo con il massimo dei voti. Ha partecipato a numerosi corsi di prassi d’esecuzione organistica con maestri di fama internazionale. Si è specializzata a Basilea (CH) nel repertorio barocco con il maestro Jedan-Claude Zehnder.  Tiene regolarmente concerti presso importanti sedi culturali in Italia e all’estero. Per l’etichetta Stradivarius, ha pubblicato un cd con i Concerti Grossi di G. Muffat e per l’etichetta Arcana ha registrato l’integrale delle musiche per organo di G. B. Dalla Gostena di cui ha curato anche la pubblicazione dell’edizione critica delle musiche.



Nel 2021 per Stradivarius ha realizzato il CD Stylus phantasticus, registrato sullo storico organo di Pistoia, Hermans 1668. In qualità di ricercatrice e musicologa, nel 2004 ha partecipato al convegno internazionale di studi sulla Milano Spagnola organizzato dal Conservatorio di Como e nel 2009, al convegno di studi sull’arte organaria dei Lingiardi pavesi organizzato dall’Università di Pavia. È docente di Organo principale presso il Conservatorio Stanislao Giacomantonio di Cosenza.

Info

Info e prenotazioni: tel. 0545.299542 / biglietteria@tatrorossini.it

vendite on line sul sito: vivaticket.com e presso i punti vendita vivaticket.

Sera di spettacolo: biglietteria dalle ore 19.30 presso la sede del concerto.

Dalla stessa categoria