Inaugurato, ieri 16 luglio a Marina di Ravenna, il Centro di Ricerca Ambiente Energia e Mare del Tecnopolo di Ravenna. - Piu Notizie

Inaugurato, ieri 16 luglio a Marina di Ravenna, il Centro di Ricerca Ambiente Energia e Mare del Tecnopolo di Ravenna.

Redazione

Inaugurato, ieri 16 luglio a Marina di Ravenna, il Centro di Ricerca Ambiente Energia e Mare del Tecnopolo di Ravenna.

domenica 18 Luglio 2021 - 12:12
Inaugurato, ieri 16 luglio a Marina di Ravenna, il Centro di Ricerca Ambiente Energia e Mare del Tecnopolo di Ravenna.

Il nuovo Centro si può dire che (ri)nasce, come l’araba fenice, dalle ceneri del “Polo di Ricerca Ambientale e Marina” fortemente voluto negli anni ’80 dall’imprenditore visionario e lungimirante ravennate Raul Gardini.

Centro Ricerche -sede

La nascita del Centro, frutto dell’intesa tra Comune di Ravenna, “Alma Mater Studiorum” di Bologna e Fondazione Flaminia (che hanno avviato il progetto e che lo gestiranno congiuntamente) è stato possibile grazie al sostegno della Regione Emilia-Romagna, che ha finanziato l’opera con un contributo regionale di un milione di euro circa, a seguito della candidatura dello stesso a un bando della Regione Emilia-Romagna nel quale ha ottenuto il primo posto in graduatoria.

Inaugurato dal presidente della Regione Stefano Bonaccini e dal sindaco di Ravenna Michele de Pascale, il nuovo Centro di Ricerca Ambiente Energia e Mare, si propone come una struttura di livello internazionale, e va ad aggiungersi come nuovissimo e  importante elemento di sviluppo e valorizzazione del Polo Universitario e del Tecnopolo di Ravenna, oltre a presentarsi come un’occasione irripetibile per le aziende del territorio che vogliano fruire e/o sviluppare nuovi progetti e attività di ricerca scientifica e tecnologica in ambito di recupero ambientale e sviluppo sostenibile.

Il Centro, dotato di tre laboratori e una zona dedicata al co-working con le imprese che vorranno entrare con risorse e idee nel progetto, ha già una sua precisa collocazione internazionale ospitando, non appena tutti i macchinari e laboratori saranno completati, attività di ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico con il Fraunhofer Gesellshaft, uno degli istituti di ricerca più prestigiosi in Europa, con il quale l’Alma Mater finalizzerà presto un accordo quinquennale per l’attivazione di un laboratorio per lo sviluppo e la gestione sostenibile dell’energia e dei rifiuti, denominato “Fraunhofer Innovation Platform for Waste Valorisation and Future Energy Supply at University of Bologna” (FIP-WE@UNIBO). Il Centro, inoltre, ospiterà un laboratorio di ricerca incentrato sull’up-scale di processi produttivi e di riciclo di componenti e celle di sistemi elettrochimici di accumulo e conversione dell’energia (batterie, supercondensatori, celle a combustibile) mediante approcci sostenibili, e sulla caratterizzazione elettrochimica e chimico-fisica di materiali, componenti e dispositivi. L’Università potrà altresì svolgere, presso la stessa sede, attività formative dedicate a temi strategici per il territorio e ai temi dell’innovazione nel settore off shore e della dismissione/conversione delle piattaforme. La nascita del Centro è frutto dell’intesa tra Comune di Ravenna, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e Fondazione Flaminia (che l’hanno pensato e progettato e che lo gestiranno in virtù di appositi accordi) ed è stata resa possibile dal sostegno della Regione Emilia-Romagna. Il progetto infatti è stato finanziato con un contributo regionale di un milione di euro circa, a seguito della candidatura dello stesso a un bando della Regione Emilia-Romagna nel quale ha ottenuto il primo posto in graduatoria. Il Comune di Ravenna ha acquisito l’immobile, lo ha ristrutturato e ne ha ceduto una parte in comodato d’uso gratuito all’Università, per l’attivazione del Centro di Ricerca nell’ambito delle attività del Centro Interdipartimentale di Ricerca Industriale Fonti Rinnovabili, Ambiente, Mare ed Energia (CIRI FRAME).

Tag:

Piùnotizie.it

Iscr. Registro Stampa del Tribunale di Ravenna al N°1424 del 19/01/2016

Direttore Responsabile: Salvatore Sangermano

Editore: London & Comunicazione

CF. P.iva - 02198490399

Contatti: redazione@piunotizie.it

© E’ vietata la riproduzione, con qualsiasi strumento, anche parziale, di testi foto e video contrassegnati dalla scritta “Riproduzione vietata “ se non autorizzati dall’Editore in forma scritta.

Piunotizie.it è una testata associata a USPI, Unione Stampa Periodica Italiana