Home / Attualità  / Il prefetto De Rosa in visita all’Ordine dei Medici di Ravenna

Il prefetto De Rosa in visita all’Ordine dei Medici di Ravenna

Nella mattinata di martedì 19 luglio l’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna ha accolto il prefetto della Provincia Ravenna Castrese De Rosa in visita presso gli uffici.

 

Ad accoglierlo erano presenti il Presidente dell’Ordine Dr. Stefano Falcinelli e membri del Consiglio direttivo.

 

«La visita del Prefetto rappresenta per il Presidente dell’Ordine un’importante occasione per rinsaldare gli stretti rapporti di collaborazione, sempre presenti, fra la Prefettura, l’Ordine dei Medici e le realtà locali di interesse sanitario, ponendo l’attenzione su alcuni degli aspetti che contraddistinguono la situazione della sanità nella nostra provincia».

 

Il prefetto ha sottolineato: «Poter contare sulla professionalità e lo spirito di servizio dei nostri Medici ed Odontoiatri è stato fondamentale durante la fase più acuta della pandemia e sono sicuro che questa collaborazione si rinsalderà ancora di più. La sanità romagnola è all’avanguardia e questo è merito dei nostri medici ai quali ho voluto esprimere tutta la mia gratitudine per una presenza sul territorio che è proattiva e sotto gli occhi di tutti. Concetti che ribadirò anche il prossimo 1° agosto quando incontrerò il personale sanitario dell’Ospedale Santa Maria delle Croci».

 

Il Consiglio direttivo si ritiene estremamente soddisfatto di questa breve e proficua giornata, che è stata l’occasione per far toccare con mano quelle che sono da un lato le esigenze di salute del territorio e dei suoi abitanti in questo particolare periodo critico e le problematiche professionali di ogni categoria medica: i medici di medicina generale e la guardia medica, i medici dipendenti ospedalieri, gli odontoiatri e i liberi professionisti specialisti nelle varie branche. Problematiche che riguardano infine il delicato rapporto medico/paziente che deve trovare soluzione nel dialogo fra le due figure nonché nelle innovazioni tecnologiche, culturali e formative del personale sanitario.

Condividi questo articolo