Home / Attualità  / Il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà in visita alla Bunge di Porto Corsini

Il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà in visita alla Bunge di Porto Corsini

visita ministro

Foto: visita del ministro D’Incà a Bunge

Federico D’Incà, Ministro per i Rapporti con il Parlamento, ha visitato oggi gli stabilimenti di Bunge, azienda leader nel settore agroalimentare con due stabilimenti a Porto Corsini (Ravenna).

Saverio Panico, Direttore Commerciale e Country Lead di Bunge in Italia, e Nicolas Burgel, Direttore degli Stabilimenti di Bunge, hanno accolto oggi il Ministro, accompagnato dai senatori Marco Croatti e Gabriele Lanzi,  Membri della 10ª Commissione permanente, Michela Montevecchi, Membro del Senato della Repubblica, Segretario della Presidenza del Senato e della 7ª Commissione permanente (Istruzione pubblica, beni culturali), Massimo Bosi, Assessore del Comune di Faenza con deleghe alla Sicurezza, Trasparenza e Spazi verdi, Giancarlo Schiano, Consigliere provinciale con delega alle politiche giovanili e Igor Gallonetto, Assessore del Comune di Ravenna con deleghe a transizione digitale, verde pubblico e riforestazione, diritti degli animali.

«Siamo lieti di aver accolto il Ministro nel nostro impianto. Il settore agroalimentare è un asset strategico per l’economia nazionale, per il valore complessivo della produzione e per la valorizzazione del Made in Italy nel nostro Paese e nel mondo. L’agricoltura è uno dei pilastri trasversali del PNRR che consente il futuro sviluppo economico e sociale, in quanto fonte di cibo, mangimi e combustibili essenziali e sostenibili per il mondo», ha affermato Saverio Panico, Direttore Commerciale e Country Lead di Bunge in Italia. «Bunge detiene circa il 40% della quota di mercato della spremitura dei semi oleosi in Italia e siamo orgogliosi del ruolo importante che svolgiamo nel settore agroalimentare del paese».

Durante la visita, la direzione di Bunge ha presentato al Ministro e alla delegazione le attività e le operazioni di Bunge in Italia e a Porto Corsini, e ha inoltre presentato i piani di investimento che porterà avanti a Porto Corsini per contribuire allo sviluppo economico e sociale di Ravenna e della sua comunità, dell’ambiente e degli agricoltori locali. L’azienda ha recentemente lanciato il Bunge Production System per consentire operazioni sempre più sicure ed efficienti e ha investito 3 milioni di dollari per migliorare ulteriormente gli standard ambientali dell’impianto di spremitura. L’impianto di Bunge, inaugurato nel 2018, rappresenta un’eccellenza in termini di tecnologia e di innovazione, confermata nel 2020 dal riconoscimento di Best Global Cushing Facility tra tutti i 52 impianti di spremitura di Bunge nel mondo, grazie agli investimenti apportati in sicurezza e sostenibilità ambientale.

Bunge, oltre che fornire prodotti essenziali per l’alimentazione a migliaia di aziende agricole locali e olio vegetale raffinato ad aziende chiave dell’industria alimentare e chimica italiana, impiega sul territorio oltre 300 persone fra lavoratori diretti ed indiretti, a cui si sommano più di 250 camionisti che ogni giorno entrano negli stabilimenti di Porto Corsini.