Home / Salute e benessere  / Il Consiglio provinciale ha approvato un documento per la “Giornata mondiale del donatore di sangue”, in programma oggi, 14 giugno

Il Consiglio provinciale ha approvato un documento per la “Giornata mondiale del donatore di sangue”, in programma oggi, 14 giugno

Il Consiglio provinciale di Ravenna ha approvato all’unanimità un Ordine del giorno dedicato alla Giornata Mondiale del donatore di sangue (World Blood Donor Day), presentato dalla consigliera Fiorenza Campidelli (Insieme per la Provincia di Ravenna) . La ricorrenza, istituita nel 2005 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, si celebra il 14 giugno, giorno della nascita di Karl Ernest Landsteiner, il medico biologo e fisiologo austriaco che nel 1900 scoprì i gruppi sanguigni.

Il documento approvato si propone di condividere gli scopi e le finalità della Giornata Mondiale del donatore di sangue e del volontariato organizzato rappresentato dalle associazioni e federazioni dei donatori di sangue, riconoscendo il ruolo insostituibile dei donatori non remunerati, periodici e responsabili all’interno del sistema sanitario e il fondamentale supporto delle associazioni dei volontari italiani del sangue al sistema sanitario italiano per il raggiungimento dell’autosufficienza nazionale di sangue e plasma. L’obiettivo è quello di mettere in atto, in accordo con le Organizzazioni del settore presenti nel territorio, iniziative o eventi finalizzati a sensibilizzare e a promuovere la donazione del sangue quale alto gesto di responsabilità civica e di partecipazione attiva ai bisogni degli ammalati per la tutela della loro salute.

«Celebriamo questa Giornata ringraziando di cuore i donatori e le donatrici di sangue che grazie al loro prezioso contributo aiutano ogni giorno a salvare vite umane e a migliorare la qualità della vita di chi soffre di malattie croniche – dichiara il presidente della Provincia Michele de Pascale. – Si tratta di uno straordinario gesto di generosità e di responsabilità civica importantissimo per tutelare la salvaguardia della salute della collettività. L’augurio è che tutti e tutte coloro che possono scelgano di donare».