Home / Attualità  / Grande successo per la 55esima edizione della “Festa della Montagna” dell’U.O.E.I. di Faenza

Grande successo per la 55esima edizione della “Festa della Montagna” dell’U.O.E.I. di Faenza

festa della montagna

Montagna come cultura, arte, natura, avventura e sport raccontate con parole e immagini. E’ la formula consolidata della Festa della Montagna che, alla 55esima edizione, in coincidenza con i 110 anni dalla fondazione della associazione organizzatrice U.O.E.I. (Unione Operaia Escursionisti italiani) Faenza ha presentato la novità di un evento “diffuso” perché agli incontri con i protagonisti si è affiancata una apprezzata mostraVisione e Meraviglia” di quadri, acquerelli e fotografie sul tema, per una settimana alla Galleria Comunale d’arte con cinque artisti: Tatiana Dobrodij, Luigi Dal Re, Isacco Emiliani, Giorgio Palli, Marco Cavina. Attraverso le immagini anche un omaggio dell’U.O.E.I. all’apprezzato fotoamatore Ivan Salaroli, recentemente scomparso e agli ultimi anni della Festa della Montagna.

 

Al centro dell’evento gli anniversari: i 100 anni dei Parchi Nazionali del Gran Paradiso e d’Abruzzo, Lazio e Molise, i 150 della istituzione del Corpo degli Alpini e della SAT (Società Alpinisti Tridentini), i 70 del Film Festival di Trento, i 25 del GPFF Gran Paradiso Film Festival.

 

Relatori di eccezione sono stati Giuseppe “Bepi” Magrin, guida alpina militare, scrittore, alpinista: il trentino Franco Nicolini, nota guida alpina, maestro di alpinismo, allenatore di sci alpinismo con la presidente SAT, Anna Facchini e il giornalista alpinista Massimo Dorigoni; il famoso campione di sci Manfred Moelgg, vincitore di tre medaglie ai Mondiali e una Coppa del Mondo di slalom speciale, che ha dialogato con l’ospite a sorpresa Davide Cassani, ex ct azzurro di ciclismo, oggi presidente di Apt Servizi Emilia-Romagna. Hanno partecipato alle serate gli assessori comunali Martina Laghi e Luca Ortolani, il presidente nazionale U.O.E.I. Lorenzo Gaini, il presidente CAE Emilia-Romagna FISI, Claudio Veltro, i giovani climber Giulia Randi e Marco Rontini. Buono il riscontro del pubblico, sia in termini numerici, che di gradimento dei contenuti per la mostra e per le conferenze. Sono state infatti circa 450 le presenze agli incontri e oltre 800 i visitatori della mostra.

 

“Cerchiamo di arricchire di spunti, contenuti e percorsi la manifestazione per renderla sempre più attrattiva – affermano il presidente Piergiorgio Gulmanelli e Giuseppe Sangiorgi, coordinatore dell’evento – Il format dell’evento, la 55edizione, numero significativo perché metà esatta di 110, gli anni dalla fondazione della sezione U.O.E.I. di Faenza, è stato quello di un festival diffuso che ha coinvolto tre luoghi della città, spaziando nel tempo”.

 

E mentre si comincia a impostare il tema dell’edizione 2023, si riflette sulla possibilità di proporre un’anteprima della manifestazione a inizio estate: un elemento di novità per continuare sul percorso di una manifestazione sempre viva nonostante la mezza età abbondantemente superata.