Home / Il bene che c'è  / Faenza, uova e giocattoli per restituire il sorriso ai piccoli ospiti ucraini

Faenza, uova e giocattoli per restituire il sorriso ai piccoli ospiti ucraini

consegna uova di pasqua

Foto: Consegna delle uova di Pasqua e dei giochi

Questa mattina una delegazione dell’ANC Faenza, l’associazione nazionale carabinieri, 85° Nucleo Volontario e Protezione Civile ODV, guidata dal presidente Ivan Savorani, e Catia Pancotti, titolare del negozio faentino Kajoca Giochi, alla presenza del sindaco Massimo Isola e dall’assessore al Welfare, Davide Agresti, hanno fatto visita al centro Asp del Fontanone per donare uova di cioccolato e giochi alle bambine e ai bambini, figli di rifugiati dal conflitto bellico che sta infiammando l’Ucraina.

«La città e le istituzioni -ha sottolineato il sindaco Massimo Isola- sin dai primi momenti della crisi internazionale si sono stretta alla comunità ucraina mettendosi a disposizione per aiutare la popolazione in fuga dalla guerra. Ringraziamo moltissimo per questi gesti di generosità che si aggiungono alle tante donazione che i faentini hanno fatto e stanno continuando a fare nei confronti di questi nostri ospiti, dimostrando il grande cuore della nostra città. Nell’occasione porgo i miei auguri e quelli della città per la Pasqua».

«Molte associazioni -ha invece detto l’assessore Davide Agresti- sono al lavoro per aiutare chi si rifugia dalla guerra. Infatti, alla tragedia del conflitto in Ucraina si aggiunge il dramma dei profughi che colpisce la popolazione civile, costretta a fuggire dalle loro terre, strappati dalle loro vite. A farne le conseguenze sono soprattutto i più piccoli che devono affrontare tutto questo. Mi auguro quindi che i nostri ospiti, anche attraverso questi piccoli gesti, possano sentire il forte abbraccio che Faenza sta dando loro».

Dopo questo primo momento, entro la settimana le uova di cioccolato e i giochi verranno recapitati a tutti i bambini ospiti nelle diverse strutture della città messe a disposizione da Asp e Caritas che ospitano i profughi ucraini.

Condividi questo articolo