Home / Musica  / Evento in memoria di Paolo Bruni, questa sera ad Alfonsine, con al piano Francesco Maria Navelli

Evento in memoria di Paolo Bruni, questa sera ad Alfonsine, con al piano Francesco Maria Navelli

Francesco Maria Navelli

Questa sera,nel giardino della Biblioteca Comunale di Alfonsine (RA) alle ore 21, si terrà il concerto “In memoria di Paola Bruni” pluripremiata pianista dalla prestigiosa carriera internazionale e persona di squisita sensibilità e grande umanità. A renderle omaggio sarà il talento di Francesco Maria Navelli, giovanissimo ma già affermato pianista, che le dedicherà brani di Chopin, Ravel e Schubert.

 

Il concerto si aprirà con lo Scherzo in do diesis minore n. 3 op. 39 di Fryderyk Chopin, quasi un atto dovuto nei confronti di Paola Bruni che ha visto in Chopin un autore fondamentale per la sua affermazione come pianista. Un brano che è forse una delle più celebri e curiose aperture per piano e che culminerà con un finale «con fuoco», una serie progressiva di arpeggi sempre più complessi in una corsa a perdifiato tra le più iconiche di Chopin. Seguiranno i Valses nobles et sentimentales diMaurice Ravel: qui nessun arpeggio virtuosistico bensì armonie di grande impatto, con movimenti che rappresentano diversi e contrapposti stati d’animo, che vanno dall’entusiasmo della gioventù fino alla malinconia e la nostalgia dei tempi che furono. La ninna nanna slava che apre dolcemente Deux nocturnes op. 55 n.1 in fa minore-maggioreirrompe emotivamente per la sua fragilità e scorre nella sua composta malinconia. In conclusione di concerto e di tutt’altro sentimento laFantasia in do maggiore op. 15 (Wanderer-Fantasie) di Franz Schubert, che si apre con eleganza e ritmo e subito si dichiara nel suo carattere ciclico romantico, fino a chiudersi con il finale dirompente del quarto movimento.

 

Classe 2003, Francesco Maria Navelli nasce in una famiglia di musicisti e inizia prestissimo lo studio del pianoforte: a soli 13 anni viene ammesso all’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola, dove studia tuttora col M° Leonid Margarius”. A 16 anni, unico italiano tra i sei finalisti in gara (sezione classica e romantica) vince il 3° premio al 29° Concorso Internazionale per Pianoforte e Orchestra “Città di Cantù”. Numerosi i primi premi ottenuti in diversi concorsi nazionali e internazionali e gli inviti a tenere recital in varie città d’Italia. Come solista partecipa a diversi festival e all’attività solistica affianca anche quella da camera, suonando in duo Viola-Pianoforte, col fratello Davide Navelli, e Violoncello-Pianoforte, con Eleonora Testa. All’estero si esibisce a Madrid e Leon in Spagna, ad Orlando, in Florida, dove esegue la Rapsodia “I got rhythm” per pianoforte e orchestra di Gershwin. Ha da poco inciso tre brani di Ciro Ferrigno: “Space”, “Étude pour une étoile” e “Parafrasi sobre Libertango”.

Condividi questo articolo