Ultimi giorni per visitare “Episodi di Mosaico Contemporaneo” a Palazzo Rasponi

La mostra a Palazzo Rasponi è visitabile fino al 14 gennaio. Mette in luce le competenze del territorio ravennate nel mosaico e il rapporto tra mosaico e design

Episodi di Mosaico Contemporaneo

Nell’ambito dell’VIII Biennale di Mosaico Contemporaneo, in programma a Ravenna fino al 14 gennaio 2024, il progetto “Episodi di Mosaico Contemporaneo” rappresenta un affascinante dialogo tra il design e l’arte del mosaico. Il progetto, curato da Maria Cristina Didero, prende vita negli eleganti spazi espositivi di Palazzo Rasponi dalle Teste sostenuto e organizzato in collaborazione con il Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura e al Mosaico e il MAR – Museo d’Arte della Città.



“Episodi di Mosaico Contemporaneo”: mettere in luce le competenze del territorio

L’obiettivo principale di questo progetto è non solo evidenziare le straordinarie competenze e capacità presenti nel territorio di Ravenna nel campo del mosaico, sia nelle sue forme tradizionali che in quelle più contemporanee, ma ripercorrere al tempo stesso le esperienze fatte in loco, alla fine del secolo scorso, dai grandi nomi tra cui Ettore Sottsass, Alessandro Guerriero, Alessandro Mendini, Gaetano Pesce.
Per raggiungere questo scopo, sono stati selezionati sei designer e creativi e commis-sionato loro di ideare oggetti dalla chiara funzione, destinati a essere realizzati con la tecnica del mosaico in collaborazione alcuni tra i più interessanti mosaicisti della città.

Al tempo stesso sono presentati in mostra due opere storiche, una di Alessandro Mendini realizzata da Luciana Notturni nel 1991 e una di Gaetano Pesce commissionata dal Museo dell’Arredo Contemporaneo nel 1995.

Il progetto unisce il disegno industriale, le tecnologie avanzate di stampa 3D e sagomatura dei supporti, e l’abilità artigianale del mosaico, che coinvolge tessere di materiali lapidei, vetrosi o in ceramica. Questa convergenza di elementi crea risultati straordinari, unendo l’ingegno moderno all’arte tradizionale. I sei progetti inediti sono stati ideati da autori come lo stilista austriaco Arthur Arbesser, il duo formato da Laura Baldassari e Alberto Biagetti di Atelier Biagetti, CARA \ DAVIDE, Francesca Lanzavecchia, Marco Guazzini e Gio Tirotto, sono stati realizzati in mosaico dai laboratori Annafietta, Gruppo Mosaicisti di Marco Santi, Pixel Mosaici in collaborazione con Dimensione Mosaico, Koko Mosaico di Arianna Gallo e Barbara Liverani Studio.

Episodi di Mosaico Contemporaneo

L’azienda WASP è coinvolta nella produzione dei supporti interni, realizzati in 3D con PLA (bioplastica derivata dall’amido di mais), mentre il progetto di Marco Guazzini è realizzato in collaborazione con CaCO3 Studio e le aziende Bencore e UpGroup per la produzione del supporto in alluminio alveolare sagomato e delle lavorazioni in marmo.

Tra i progetti esposti, il tavolo Miss Universe per il trucco di Arthur Arbesser, che richiama a livello cromatico i celebri mosaici ravennati con il suo utilizzo del colore blu notte e delle stelle sul retro dello specchio. Altro omaggio alla città per Atelier Biagetti che presenta una ‘piscina da salotto’ che richiama fantomatici bagni del grande Teodorico, creando una presenza decorativa straordinaria e reinterpretando abitudini quotidiane in modo fantasioso e ironico. CARA \ DAVIDE propongono Tessere, una serie di tre oggetti geometrici che sfruttano in modo creativo la tessera come unità di misura modulare per creare una seduta/coffee-table multifunzionale.

Il progetto Verde Sospeso di Francesca Lanzavecchia presenta una collezione di vasi-colonna architettonici che fondono natura, design e arte, creati con una speciale tecnica musiva diretta con elementi di smalto sagomati e giustapposti messa a punto a quattro mani dalla designer e dalla sua mosaicista Arianna Gallo di Koko Mosaico, unendo così passato e presente, tradizione e innovazione. Marco Guazzini presenta il progetto dal titolo ispirato a Guccione COLTEMPO, due affascinanti oggetti d’arredo in dialogo tra loro: una mensola e una scaletta, che sembrano prendere vita durante il processo stesso della loro creazione, tessera dopo tessera creando un particolare senso di movimento.

Infine, il progetto Andamenti (ossia, nel linguaggio tecnico, la determinazione delle linee che le tessere devono seguire) di Gio Tirotto, con due lampade, una da terra e una sospensione, che dialogano nello spazio; Tirotto enfatizza così l’estrema sintesi del mosaico, le diverse potenziali applicazioni, il rapporto intrinseco tra luce e colore nonché potenza espressiva.

Uno sguardo tra mosaico e design

Episodi di Mosaico Contemporaneo offre un interessante sguardo su come il mosaico possa integrarsi nel mondo del design industriale di oggi. Nonostante la sua lunga storia e la sua varietà di espressioni artistiche, questa tecnica affascinante e dalla articolata fattura rappresenta certamente una sfida nel suo adattamento alle esigenze della progettazione di prodotti seriali. Tuttavia, la natura intrinseca del mosaico permette la creazione di oggetti unici e preziosi, in cui l’arte del mosaicista si fonde con il disegno del progettista.

I sei designer coinvolti in questo progetto si sono impegnati a creare prodotti funzionali e contemporanei, dimostrando che il mosaico ha molto da offrire nel mondo del design. Alla fine della mostra, questi straordinari oggetti si uniranno alla collezione permanente dei mosaici moderni e contemporanei del Museo MAR, arricchendo così il patrimonio artistico della città di Ravenna.

Leggi anche: 10 mostre da vedere a gennaio a Ravenna e dintorni

Dalla stessa categoria