Home / Attualità  / Da oggi Cervia ha sei nuove Nursery station per le neomamme

Da oggi Cervia ha sei nuove Nursery station per le neomamme

cervia nursery station

Il Comune di Cervia, grazie al progetto Cervia Amica dell’Allattamento, promosso tra marzo e aprile di quest’anno, si è posto l’obiettivo di ampliare gli spazi dove le mamme possono fermarsi per allattare e accudire il proprio bambino. A seguito di questo percorso,  sono state allestite 6 nursery stations diffuse nel territorio.

 

Quattro degli spazi adibiti si trovano in locali della nostra Amministrazione: SeiDonna, Sala Malva, Scambiamenti e Biblioteca. Gli altri due sono stati predisposti all’interno di attività commerciali  cervesi rivolte alla prima infanzia che hanno partecipato all’iniziativa. In particolare, ai privati che hanno aderito all’avviso pubblico verrà erogato un contributo di 100 €, a fronte della predisposizione di un angolo dedicato alle esigenze di cura dei neonati ed è stato fornito loro un adesivo con il logo “Cervia amica dell’allattamento“, apposto sulla porta di ingresso della propria attività.

 

Gli indirizzi delle sedi sono:

 

SeiDonna

Corso Mazzini n. 39

 

Spazio culturale Scambiamenti

Via I. Nievo n. 2

 

Sala Malva

Via Papaveri n. 43

 

Biblioteca Maria Goia

Via Circonvallazione Sacchetti n. 111

 

Mamma Bio

Via I. Bertoni n. 1E

 

Orsacchiotto

Piazza Unità n. 35

 

Per informazioni dettagliate sugli orari di apertura è possibile contattare direttamente il Centro SeiDonna al numero 0544 979266 oppure consultare le pagine social dei singoli spazi.

 

“Non ci poteva essere occasione migliore – ha dichiarato Assessora alle Pari Opportunità, Michela Brunelli – per inaugurare le nursery stations, della Settimana mondiale per l’allattamento, che tra gli obiettivi principali ha proprio quello di aumentare la consapevolezza su quanto sia importante creare e supportare ambienti favorevoli all’allattamento per le mamme e  radicare sempre più il concetto che l’allattamento garantisce alimentazione, sicurezza alimentare e riduzione delle disparità”.

Condividi questo articolo