Home / Formazione e lavoro  / Con un video sulla CFS Europe la 4/a Bcm del “Nullo Baldini” di Ravenna si aggiudica il premio Guidarello giovani per le Tecnologie Digitali

Con un video sulla CFS Europe la 4/a Bcm del “Nullo Baldini” di Ravenna si aggiudica il premio Guidarello giovani per le Tecnologie Digitali

studenti nullo baldini

È la 4/a Bcm dell’Itis “Nullo Baldini” di Ravenna ad aggiudicarsi il primo premio per la categoria Tecnologie Digitali, del valore di 3.000 euro, con un bellissimo video sull’azienda chimica CFS Europe.

 

Il premio “Guidarello Giovani”, istituito da Confindustria Romagna nel 2007 come ampliamento del Premio Guidarello per il Giornalismo d’autore, è un’iniziativa rivolta agli studenti delle scuole medie superiori della provincia di Ravenna, nata con la finalità di trasferire ai giovani una maggiore consapevolezza di cos’è un’impresa e della complessità che la caratterizza.

 

La 16° edizione del premio ha coinvolto 350 studenti delle scuole superiori della provincia, che hanno visitato una ventina di imprese del territorio per realizzare i reportage.

 

CFS Europe ha partecipato con entusiasmo a questo importante progetto, che mette in relazione i giovani – futuri talenti di domani – con la realtà aziendale, mostrando loro come viene organizzata l’attività, quali sono le criticità che ogni giorno devono essere affrontate – e risolte – e quali sono i valori e le ambizioni di un’azienda tanto complessa.

Durante la visita dei ragazzi presso lo stabilimento non sono mancati momenti di grande intensità, caratterizzati da uno scambio di idee sul futuro dell’industria chimica, così coinvolta nel processo di evoluzione verso l’ecosostenibilità in atto in tutto il mondo e a tutti i livelli. Massimo Cupello Castagna, Amministratore Delegato di CFS Europe, ha presentato loro la sua idea di industria green, rendendoli partecipi delle iniziative in atto per raggiungere importanti traguardi dal punto di vista ambientale. L’azienda, infatti, sta investendo moltissimo in ricerca e sviluppo per progetti di economia circolare e sostenibilità che a breve verranno annunciati e, recentemente, ha brevettato e messo in commercio NaSure®, un antiossidante naturale che deriva dall’estratto di rosmarino.

 

Tra i tanti temi trattati, è inoltre stato approfondito anche il modello di business che l’azienda ha messo in atto dal 2018, anno di ingresso di Massimo Cupello Castagna che, in qualità di nuovo amministratore delegato, ne ha rivoluzionato il piano organizzativo e strategico, identificando procedure, processi ed efficientamenti che hanno reso CFS Europe un’azienda in continua crescita moderna e innovativa, fiore all’occhiello per tutto il comparto.

 

Un’industria chimica è una realtà estremamente complessa ma Sauro Passeri, Site Manager e Membro del Board di CFS Europe, è stato in grado di rendere “semplici” tutti i passaggi dell’attività produttiva che, agli occhi degli studenti, sono risultati chiari e comprensibili. Inoltre, particolare attenzione è stata dedicata al comparto destinato alla produzione di antiossidanti naturali, per il quale l’azienda sta investendo molte risorse in termini di ricerca e sviluppo, proprio nell’ottica di divenire sempre più ecosostenibile.

 

I ragazzi, coerentemente con le specifiche contenute nel bando di concorso, hanno scelto di concorrere al premio nella categoria Tecnologie Digitali e, dopo aver visitato lo stabilimento e intervistato i referenti aziendali, hanno realizzato un video reportage della durata di circa 3 minuti, un racconto dell’azienda caratterizzato dal proprio punto di vista, senza toni promozionali.

 

Il video si apre con una carrellata di immagini, dalle quali si evincono l’ubicazione e la struttura di CFS Europe. Una studentessa interpreta il ruolo di giornalista e viene messa in scena l’intervista con studenti-attori che impersonano l’amministratore delegato e il direttore. Incalzati dalle domande, raccontano la storia dell’azienda, in cosa consiste la produzione e gli utilizzi di quanto viene realizzato. Il tutto corredato da immagini dello stabilimento e dei ragazzi in visita.

 

Viene, inoltre, messo in evidenza un tema di primaria importanza, soprattutto per una realtà come quella industriale, ossia la sicurezza dei lavoratori: CFS è fiera di annunciare che ha raggiunto l’importante traguardo dei 1000 giorni senza infortuni di alcun tipo, a conferma che le norme di sicurezza e di protezione vengono non solo rispettate, ma anche implementate accogliendo le nuove direttive in materia di sicurezza sul lavoro.

“Sono orgoglioso di aver ospitato questo gruppo di giovani nella nostra azienda – dichiara Massimo Cupello Castagna, AD di CSF Europe –  e spero di essere riuscito a trasmettere loro tutta la complessità, l’impegno e la dedizione che tutti noi mettiamo nel gestire al meglio questa realtà. Credo molto nell’incontro tra i futuri talenti e il mondo del lavoro, perché ritengo che solo con il contatto diretto, in campo, ci si possa rendere conto di come sia realmente l’ambiente professionale. Sono fiero altresì che si siano aggiudicati il primo premio nella loro categoria: il video che hanno realizzato è bellissimo. Mi auguro, anzi ne sono certo, che questo sia un primo tassello delle tante attività che svilupperemo con gli studenti”.

 

“Uno degli aspetti più divertenti del lavoro è stato sicuramente ricreare un’intervista,- spiegano i ragazzi della 4/a Bcm – prendendo spunto da quella fatta in azienda, ma la visita allo Stabilimento CFS ci ha aiutato a capire come viene messo in pratica il nostro studio, vedere la realizzazione dei prodotti è stato stimolante per aiutarci a creare il video presentato. Ci ha veramente affascinato osservare il retroscena di prodotti che troviamo nella nostra vita quotidiana: lo stoccaggio, l’imballaggio, la produzione, i controlli nei laboratori e nella sala di controllo” e proseguono: “La conoscenza dello staff e dei dirigenti ci ha permesso di consolidare la conoscenza a 360 gradi della gestione di un’azienda chimica, della sicurezza e delle varie fasi di fabbricazione. Il grande vantaggio di quest’ultima è un utilizzo completo della materia prima per una produzione circolare senza sprechi e per un corretto smaltimento evitando gli scarti per un fine green”.